Cerca

strage di capaci

30 anni senza Falcone, il ricordo di Mattarella: "Contro la criminalità né pause né distrazioni"

"Sono trascorsi trent'anni da quel terribile 23 maggio allorché la storia della nostra Repubblica sembrò fermarsi come annientata dal dolore e dalla paura. Il silenzio assordante dopo l'inaudito boato rappresenta in maniera efficace il disorientamento che provò il Paese di fronte a quell'agguato senza precedenti”

30 anni senza Falcone, il ricordo di Mattarella: "Contro la criminalità né  pause né distrazioni"

Falcone e Mattarella (archivio)

È iniziato così l’intervento del Presidente Mattarella alla manifestazione al Foro Italico di Palermo per il 30esimo anniversario della strage di Capaci organizzato dalla Fondazione Falcone. Di fronte a una platea gremita di personalità istituzionali, ma anche di migliaia di studenti e giovani, il Capo dello Stato ha ringraziato Maria Falcone per l’operato della Fondazione che presiede e ha proseguito dicendo: “Del tutto al contrario di quanto avevano immaginato gli autori del vile attentato, allo smarrimento iniziale seguì l'immediata reazione delle Istituzioni democratiche. Il dolore e lo sgomento di quei giorni divennero la drammatica occasione per reagire al violento attacco sferrato dalla mafia; a quella ferocia la nostra democrazia si oppose con la forza degli strumenti propri dello Stato di diritto. Altrettanto significativa fu la risposta della società civile, che non accettò di subire in silenzio quella umiliazione e incoraggiò il lavoro degli investigatori contribuendo alla stagione di rinnovamento”. Dopo una pausa dovuta a un lungo applauso dei ragazzi che affollano il prato del Foro Italico alle sue parole, il Presidente Mattarella ha proseguito ricordando Giovanni Falcone: "Era un grande magistrato e un uomo con forte senso delle istituzioni. Non ebbe mai la tentazione di distinguere le due identità perché aveva ben chiaro che la funzione del magistrato rappresenta una delle maggiori espressioni della nostra democrazia e, in qualunque ruolo, ha sempre inteso contribuire, con competenza e serietà, all'affermazione dello Stato di diritto. La portata della sua eredità - ha sottolineato Mattarella - è resa evidente anche dalle modalità della celebrazione di oggi, attraverso la quale viene rinnovato l'impegno contro la mafia". "Le visioni d'avanguardia, lucidamente 'profetiche', di Falcone non furono sempre comprese anzi in taluni casi vennero osteggiate anche da atteggiamenti diffusi nella stessa magistratura, che col tempo, superando errori, ha saputo farne patrimonio comune e valorizzarle". "Le esperienze innovative di quegli anni si sono tradotte, all'indomani dei drammatici attentati, in leggi che hanno fatto assumere alla lotta alla mafia un livello di incisività ed efficacia mai raggiunto fino ad allora. Con la determinazione di fare giustizia, facendo prevalere il diritto, ripristinandolo. Per consentire alle persone pienezza di libertà e maggiori opportunità di futuro contro la presenza delle mafie che ne ostacola e talvolta ne impedisce l'effettiva libertà". Il Capo dello stato ha poi aggiunto: "Poco meno di tre settimane fa, proprio a Palermo, presso l'aula-bunker, ha avuto luogo la sessione conclusiva della Conferenza dei Procuratori europei, dedicata alla commemorazione di Giovanni Falcone. È stato un omaggio di alto significato perché egli fu il primo ad intuire e a credere nel coordinamento investigativo sia nazionale sia internazionale, quale strumento per far emergere i traffici illeciti che sostenevano economicamente la mafia. Insieme a Paolo Borsellino avviarono un nuovo metodo d'indagine

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione