Cerca

«Sono stufa di essere perseguitata dall'ex marito e di aver ricevuto dallo stesso pesanti minacce di morte»

Lotta alla "Società Foggiana": la moglie del boss diventa testimone di giustizia

Si tratta di Sabrina Campaniello, 33 anni ex coniuge di Emiliano Francavilla, elemento di spicco della “Società” ritenuto – dagli inquirenti – al vertice dell'omonimo clan. I due sono separati dal 2010.

Lotta alla "Società Foggiana": la moglie del boss diventa testimone di giustizia

Sabrina Campaniello ha ricostruito insieme ai magistrati le logiche criminali che muovono il clan. «Al vertice della batteria ci sono mio marito, Antonello e Roberto Sinesı – ha detto la donna. Stando alle sue dichiarazioni la consorteria mafiosa si occupava prevalentemente di estorsioni ma non ha saputo fornire nomi dei commercianti taglieggiati. «Qui comandiamo noi» - avrebbero detto i tre uomini nel corso di una conversazione avvenuta alla presenza della moglie. Inoltre - sempre a detta della stessa – gestivano un fiorente traffico di stupefacenti. «Mio marito si riforniva di droga da grossisti a Torino e Napoli». Nella sua testimonianza, invece, gli omicidi sono coperti da “omissis” mentre più volte ha affermato di aver conosciuto il boss della mafia garganica Franco Libergolis durante il periodo di latitanza. Gli inquirenti accertarono, infatti, la partecipazione del boss di Monte e della sua famiglia alla prima comunione della figlia di Mario Clemente, pregiudicato foggiano legato appunto ai Francavilla.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione