Cerca

Ore di attesa

Oggi si sceglie la città dei Giochi del Mediterraneo: l'Italia candida Taranto, oggi siamo tutti tarantini

Nel tardo pomeriggio di oggi, nell'assemblea generale che terra' a Patrasso, nell'hotel Porto Rio, il Cijm, il Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo, designera' definitivamente la citta' che ospitera' la ventesima edizione dei Giochi che si terranno nel 2026

Oggi si sceglie la città dei Giochi del Mediterraneo: l'Italia candida Taranto, oggi siamo tutti tarantini

Taranto e' la citta' candidata per l'Italia a seguito di un lavoro di squadra partito alcuni mesi fa che ha coinvolto Governo, Coni, Regione Puglia e Comune. I Giochi sono sul modello delle Olimpiadi.

Mancano ormai poche ore alla fine del conto alla rovescia. Nel tardo pomeriggio di oggi, nell'assemblea generale che terra' a Patrasso, nell'hotel Porto Rio, il Cijm, il Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo, designera' definitivamente la citta' che ospitera' la ventesima edizione deiGiochi che si terranno nel 2026. Taranto e' la citta' candidata per l'Italia a seguito di un lavoro di squadra partito alcuni mesi fa che ha coinvolto Governo, Coni, Regione Puglia e Comune. I Giochi sono sul modello delle Olimpiadi. Figurano le stesse discipline sportive, comprese quelle paralimpiche, con l'unica limitazione, rispetto alle Olimpiadi, che gli atleti partecipanti sono solo quelli che provengono dalle 27 Nazioni che si affacciano sul bacino delMediterraneo. I Giochi si terranno a giugno 2026. La Puglia li ha gia' ospitati nel 1997 con Bari. Nel 2021 si terra' la diciannovesima edizione dei Giochi ad Orano, in Algeria, seconda citta' di quel Paese che li ospita dopo Algeri nel 1975. Il programma di oggi prevede che il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, nel corso dell'audit ufficiale, illustri il dossier di candidatura. Il sindaco fa parte di una delegazione che comprende, tra gli altri, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il componente del Comitato olimpico internazionale Mario Pescante, il vice presidente del Coni, Alessandra Sarsini. Nella delegazione anche altri amministratori locali, rappresentanti delle Agenzie della Regione Puglia che hanno lavorato alla candidatura di Taranto, esponenti del Coni pugliese e di alcune federazioni sportive. Trenta i minuti a disposizione, comunica la Regione Puglia, "per presentare i punti di forza della proposta di Taranto e proiettare due video, uno dedicato al capoluogo jonico, con i suoi tesori e gli scorci piu' rappresentativi, e l'altro con messaggi di sostegno e immagini dei campioni dello sport pugliese che auspicano l'assegnazione dei Giochi in Puglia per la seconda volta dopo l'edizione di Bari 1997". Nelle 108 pagine di dossier, specifica la Regione Puglia, vengono indicate le motivazioni e gli obiettivi della candidatura con il masterplan delle sedi sportive e il calendario della manifestazione con le 30 discipline sportive previste, comprese le paralimpiche. 

"L'approccio fortemente sostenibile - rileva la Regione - e' evidenziato dal massimo utilizzo del patrimonio esistente prevedendo interventi di adeguamento e miglioramento. Ventotto gli impianti gia' esistenti e utilizzabili tra Taranto e altri 20 Comuni nell'area ionico-salentina". Due gli impianti di nuova costruzione per le competizioni: la piscina olimpica, il centro nautico oltre a tre palestre di quartiere per gli allenamenti. "Tutto cio' - rileva la Regione Puglia - costituira' un'eredita' molto importante per Taranto e per l'intero territorio interessato. Gli impianti - si precisa - ospiteranno in contemporanea sia le competizioni olimpiche sia quelle paralimpiche per rafforzare il concetto di integrazione e solidarieta' sportiva. Il Villaggio Mediterraneo destinato ad ospitare gli atleti e' stato individuato a Castellaneta Marina e prevede l'integrazione di quattro villaggi turistici gia' esistenti e particolarmente confortevoli nonche' dotati di ogni servizio ricettivo necessario alla migliore accoglienza dei 4mila atleti partecipanti. Il quadro economico finanziario- conclude la Regione Puglia - ipotizza l'utilizzo complessivo di risorse per 290 milioni di euro tra interventi pubblici (Stato, Regione Puglia, Comune di Taranto e altri Comuni interessati) e privati (sponsor e diritti TV)". La proclamazione del verdetto sara' seguita in diretta a Taranto. Collegamenti streaming ci saranno da alcune spiagge mentre il Comune ha fatto allestire un maxischermo in Villa Peripato. Alla vigilia della partenza per Patrasso, il sindaco Melucci ha dichiarato: "Nonostante il caldo e le ferie, siamo sicuri che i tarantini si stringeranno intorno ai loro rappresentanti e faranno una grande festa. Siamo col fiato sospeso - ha aggiunto il sindaco - Taranto puo' salire alla ribalta mondiale e per iniziative del tutto positive, che contribuiranno a cambiare per sempre il volto dei nostri quartieri e l'immagine stessa della citta'. Ben 26 Nazioni stanno scommettendo su di noi. Dimostreremo - ha concluso il sindaco - che i tarantini sono persone speciali e possono compiere grandi imprese".  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione