Cerca

La proposta

In Capitanata 6.454 disabili, Patrizia Lusi: «Abbattere le loro barriere, una battaglia di civiltà»

Per la capolista del PD alle regionali del 31 maggio «Necessarie misure specifiche in materia di collocamento mirato, rimozione di barriere architettoniche, potenziamento dei trasporti scolastici e dei servizi di assistenza domiciliare»

In Capitanata 6.454 disabili, Patrizia Lusi: «Abbattere le loro barriere, una battaglia di civiltà»

Patrizia Lusi

"La Festa del volontariato conclusasi qualche giorno fa, è come al solito, un momento importante per riflettere sul ruolo strategico del volontariato in Capitanata, in Puglia e in Italia. E di questo momento di confronto è giusto rendere grazie al CSV "Daunia" e a tutte le associazioni". A dichiararlo è Patrizia Lusi, capolista Pd alle prossime elezioni regionali.
"Io credo che, però, un tema su tutti meriti particolare attenzione: l'impegno a favore dei disabili. Dai dati resi noti dall'Inali, al 31/12/2014, risultano in Capitanata 6.454 disabili. E ci riferiamo solo ai titolari di rendita INAIL. Va da se che il numero complessivo è più ampio. La recente istituzione di un garante dei diritti delle persone disabili è sicuramente un elemento di grande importanza. Così come fondamentali sono l'attività e l'insegnamento delle associazioni che operano nel settore", afferma la capolista Pd. Di qui, però, l'idea di armonizzare gli interventi regionali in materia: "Io credo che un impegno strategico per la prossima Giunta Regionale sia proprio quello di rendere più armonici ed efficaci gli interventi in materia. Perciò, io penso a misure specifiche per rafforzare le azioni di collocamento mirato, rimozione di barriere architettoniche, potenziamento dei trasporti scolastici e dei servizi di assistenza domiciliare e di tutte gli interventi previsti nei piani di zona, sostegno al Terzo Settore e alle famiglie con disabili. A partire da questi punti di riferimento, all'indomani dell'insediamento della nuova Amministrazione Regionale, daremo vita ad un forum di confronto con mondo dell'associazionismo e del volontariato. Dare a tutti le stesse possibilità di accesso e partecipazione alla vita pubblica e di interazione, creare una Puglia più inclusiva e a misura d'uomo, prima che un obiettivo politico è una sfida di civiltà e di emancipazione".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione