Cerca

L'operazione

Così la Camorra condizionava l'economia e la politica ad Avellino, con il figlio del boss eletto consigliere comunale della Lega

Il 37enne figlio del boss al 41 bis, che per un breve periodo ha ricoperto anche la carica di segretario cittadino della Lega, è ora in carcere, anche se era già agli arresti domiciliari per altre vicende, sempre collegate all'attivita' del clan.

Così la Camorra condizionava l'economia e la politica ad Avellino, con il figlio del boss eletto consigliere comunale della Lega

Modestino Genovese deve rispondere insieme agli altri di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, scambio elettorale politico-mafioso, turbata liberta' degli incanti, falsita' materiale, truffa, trasferimento fraudolento di valori e riciclaggio. Nell'operazione le fiamme gialle hanno sequestrato 5 societa', conti correnti, titoli, azioni per 4 milioni di euro. In particolare i sigilli sono stati apposti a una rsa, destinataria anche di un'interdittiva antimafia, a 2 societa' immobiliari con un patrimonio di 59 fabbricati e 26 terreni, a una societa' di consulenza amministrativa e a un ristorante.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione