Cerca

covid19

Conte: «Non possiamo tollerare che si entri in modo irregolare»

Ma nel solo mese di luglio 2020 poco meno del doppio degli sbarchi (6.760) di tutto il 2019 (3.867) ed alle 21:00 è previsto a Lampedusa l'arrivo della nave per la quarantena "Gnv Azzurra" per un costo di 4,7 milioni di euro (Iva esclusa)

Conte: «Non possiamo tollerare che si entri in modo irregolare»

il premier Giuseppe Conte

Questa mattina il premier Conte parlando con i giornalisti a Cerignola, a margine di un incontro sulla legalità ha affermato che «Non possiamo tollerare che si entri in Italia in modo irregolare, tanto più non possiamo tollerare che in questo momento in cui la comunità nazionale intera ha fatto tantissimi sacrifici questi risultati siano vanificati da migranti che tentano di sfuggire alla sorveglianza sanitaria» e ha ribadito: «Non ce lo possiamo permettere, quindi dobbiamo essere duri, inflessibili. Stiamo collaborando con le autorità tunisine, è quella la strada». Basterebbe, però, l'analisi dei dati, facilmente consultabili sul sito del Ministero dell'Interno, per comprendere in primis quanto abbia inciso il cambio di maggioranza al governo sulle politiche migratorie ed in secondo luogo per comprendere la gravità della situazione in un periodo storico contrassegnato da una pandemia. Bisogna premettere che il numero di arrivi registrati nel 2019, quando al Viminale vi era il leader della Lega Matteo Salvini, sono riconducibili anche all'efficacia degli accordi bilaterali sottoscritti in Libia nel gennaio del 2017 dall'allora ministro dell'interno Marco Minniti. Nel solo mese di luglio 2020, mentre permangono numerose restrizioni nonchè lo stato di emergenza causa Covid-19, il numero di sbarchi pari a 6.760 è stato di poco meno inferiore del doppio degli sbarchi di tutto il 2019, quando il Dipartimento della Pubblica sicurezza registrò 3.867 arrivi sulle coste italiane. Nelle ultime 24 ore a Lampedusa sono arrivate 8 imbarcazioni per un totale di 200 persone ed al momento l'hotspot di Lampedusa è al collasso: 910 presenze a fronte dei 95 posti disponibili. Vi è uno scarso utilizzo di mascherine e per ovvie ragioni di capienza non sono rispettate le distanze di sicurezza, come ha sottolineato l'assessore della Regione Sicilia alla sanità, Ruggero Razza. Alle 21:00 di questa sera è previsto l'arrivo della nave "Gnv Azzurra" fornita dalla compagnia Grandi Navi Veloci e reperita dal Viminale a seguito del bando indetto dal Ministero dei Trasporti per garantire la quarantena dei migranti arrivati in Sicilia negli ultimi giorni. Potrà ospitare tra le 600 e le 700 persone oltre al personale e sarà ormeggiata al largo delle coste siciliane. Inoltre è stata avviata una seconda gara per reperire una nave da quarantena per almeno 400 posti da ormeggiare presumibilmente nei pressi delle coste calabresi. Si tratta di una soluzione provvisoria per la quarantena e per la sorveglianza che mira ad evitare le fughe dai centri di accoglienza e limitare la diffusione del Coronavirus. Al bando del Ministero dei Trasporti, più volte deserto, ha risposto a seguito dell'aumento del corrispettivo per il noleggio, la società Grandi Navi Veloci. Il costo per lo svolgimento del servizio di noleggio ammonta ad un corrispettivo di 4,7 milioni di euro oltre Iva.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione