Cerca

Almanacco dauno

Oggi, 18 gennaio 1977, viene ucciso Luciano Re Cecconi "l'Angelo biondo" del Foggia

Una morte assurda, conseguenza di uno scherzo che il centrocampista della Lazio (nel Foggia dal campionato 1969/70 al campionato 1971/72: due campionati di B e uno di A), insieme ad altri due amici, fecero ad una gioielleria a Roma

Oggi, 18 gennaio 1977, viene ucciso Luciano Rececconi "l'Angelo biondo" del Foggia

E'  la sera di martedì 18 gennaio 1977. Mancano pochi minuti alle 19.30, e due giocatori della Lazio, il difensore Pietro Ghedin e il centrocampista Luciano Re Cecconi, assieme a un amico comune, il profumiere Giorgio Fraticcioli, entrano nella gioielleria di Bruno Tabocchini, in Via Nitti, nel quartiere Flaminio, a Roma. Fraticcioli deve consegnare alcuni prodotti. 'L'Angelo biondo' ha il bavero del cappotto alzato e le mani in tasca. Ama gli scherzi, e non può certo immaginare che di lì a poco una delle sue trovate, secondo quella che è la ricostruzione ufficiale dei fatti, gli costerà la vita.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione