Cerca

Un supporto imbarazzante per le organizzazioni dei lavoratori

Anche l'Eni accusata di avvelenare la Basilicata tra gli sponsor dei sindacati per il Primomaggio a Roma

Figura anche il cane a sei zampe dell'Eni tra i grossi sostenitori della manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil di oggi per celebrare la festa del lavoro. Un assist decisamente imbarazzante dopo le vicende giudiziarie che hanno travolto l'azienda petrolifera

Anche l'Eni accusata di avvelenare la Basilicata tra gli sponsor dei sindacati per il Primomaggio a Roma

Continua a dilagare l'inchiesta giudiziaria sui presunti illeciti nella gestione dei reflui petroliferi al Centro Olio in Val d'Agri a Viggiano dell'Eni, che finora ha portato a sei arresti per smaltimento rifiuti, 60 indagati, sospensione della produzione di petrolio. Ciò nonostante, Cgil Cisl e Uil non si fanno alcun problema a farsi sponsorizzare la festa nazionale dei lavoratori di oggi, e il concertone in programma a Piazza San Giovanni, proprio dall'ENI. Un supporto imbarazzante, soprattutto se si considera la posizione ambigua assunta dai sindacati al referendum antitrivelle e, per la maggior parte, l'assenza di una risoluta denuncia di quanto accaduto in Basilicata da parte delle organizzazioni sindacali.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione