Cerca

sanità lucana

Sanità lucana: due nuovi radiofarmaci diagnostici al Crob di Rionero

Crob, dal San Carlo arrivano gli anestesisti. L'ex presidente Pittella chiede la testa del Dg

Un nuovo radiofarmaco per la diagnosi del tumore prostatico è stato somministrato oggi a due pazienti non lucani, per la prima volta, nel reparto di Medicina nucleare dell'Irccs Crob di Rionero in Vulture (Potenza). Un secondo farmaco, efficace nell'identificazione non invasiva dei tumori maligni di origine epiteliale, sarà disponibile nei prossimi giorni. Lo ha reso noto l'ufficio stampa della struttura ospedaliera lucana. Nel primo caso, ha spiegato il medico nucleare del Crob Rosj Gallicchio, "si tratta di un radiofarmaco preparato direttamente nell'unità operativa che dispone di una propria radiofarmacia, ed è utilizzato per la diagnosi del tumore alla prostata, soprattutto nei pazienti con recidiva biochimica di malattia e può essere utilizzato anche come strumento di cura. Il secondo radiofarmaco - ha concluso - offrirà identificazione non invasiva di tutti i tumori maligni di origine epiteliale".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione