Cerca

Politica

Superbonus 110 per cento, il meccanismo si è inceppato alle Poste: Pepe (Lega) interroga il ministro. Imprese col fiato sospeso

Il neo riconfermato sindaco di Tolve, il senatore Pepe, alla ricerca di una quota rosa per la carica da assessore: l'avviso pubblico

Poste italiane è l'incaglio dello sconto in fattura del Superbonus 110 per cento. E i ritardi nell’accettazione dei crediti ceduti sono arrivati in Parlamento. Il senatore leghista Pasquale Pepe ha presentato un’interrogazione (la numero 4-06450 del 13 gennaio 2021) a risposta scritta al ministero dell’Economia e delle Finanze per sapere se quest’ultimo sia a conoscenza del problema e quali iniziative intedendere affinché Poste proceda nei termini contrattuali ad accettare o rifiutare le cessioni dei crediti.

«Poste italiane - scrive il senatore - [...] a partire dal mese di novembre 2021, ha iniziato ad accumulare enormi ritardi, ben oltre i termini contrattuali pattuiti con le imprese. […] Nella maggior parte dei casi Poste italiane non ha proceduto con le accettazioni di tali crediti ceduti, ma nemmeno al rifiuto della cessione stessa. Questo comporta che il cedente (l’impresa) non possa disporre in alcun modo dei propri crediti i quali si trovano in un “limbo” nel quale il cedente non può fare nulla». Una situazione che sta tenendo col fiato sospeso non poche imprese.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione