Cerca

Cinema

La Basilicata torna "al cinema" su Amazon Prime Video con Joe Pantoliano, star di Matrix e Bad Boys

"In Vino Veritas" il film girato ad Acerenza realizzato da una produzione italo - canadese ha finalmente il suo doppiaggio e la sua distribuzione in Italia

La Basilicata torna "al cinema" su Amazon Prime Video con Joe Pantoliano, star di Matrix e Bad Boys

Il film vede la partecipazione di  un cast internazionale molto popolare in Canada, oltre al pluricitato Pantoliano, Wendy Crewson Paula Brancati, Marco Leonardi, Tony Nardi, Tony Nappo e Franco Lo Presti. 

"Finalmente" un avverbio carico di sentimento ed emozioni, l'espressione che più di tutte viene ripetuta in questi giorni tra gli acheruntini, popolo abituato alla notorietà del piccolo schermo che nell'autunno del 2018 è divenuto un set a cielo aperto. Dopo i numerosi successi raggiunti in tantissimi festival in giro per il mondo, la pandemia aveva tentato di fermare l'uscita di "From The Vine" titolo inglese di "In Vino Veritas" del regista Sean Cisterna, che nei mesi passati ha riscosso un notevole interesse sulle piattaforme digitali statunitensi e canadesi. "Finalmente" è il caso di dirlo, il doppiaggio in italiano e la diffusione tramite l'ormai conosciutissima Amazon Prime Video, piattaforma di streaming online a due anni dalle riprese.

"In Vino Veritas" racconta la storia di Marco Gentile, interpretato da uno strepitoso Joe Pantoliano, avvocato di successo acheruntino che ha visto la sua crescita professionale e umana in Canada e che torna in Italia per cercare se stesso. Una trama ricca di sogno, radici e sentimento che è capace di raccontare la vita di ognuno, la piccola odissea di un uomo che non riesce più a trovare un posto nel mondo e che riscopre se stesso solo nelle morbide colline dell'Alto Bradano. 

Il film vede la partecipazione di  un cast internazionale molto popolare in Canada, oltre al pluricitato Pantoliano, Wendy Crewson Paula Brancati, Marco Leonardi, Tony Nardi, Tony Nappo e Franco Lo Presti. 

«Finalmente siamo arrivati anche in Italia dopo i grandi successi del nord America» afferma Kenneth Canio Cancellara, autore del libro, della sceneggiatura e coproduttore. 

 

Gli acheruntini accolsero la troupe con entusiasmo e calore, condividendo spazi, luoghi pubblici e privati con gli attori e il team canadese. «La Pandemia - afferma il sindaco Fernando Scattone, attore per un giorno anche lui in un piccolo cameo - ha solo stoppato questo scambio interculturale con i nostri "fratelli" canadesi, torneremo presto a lavorare in sinergia per progetti ancora più grandi per la nostra terra». 

 

 

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione