Cerca

Cronaca vera

A Carapelle un 20enne albanese litiga col patrigno e lo accoltella alla schiena

I carabinieri una volta nell'abitazione della vittima hanno trovato il ventenne a torso nudo, con una grossa pietra in mano ed in forte stato di agitazione. I militari sono riusciti a convincerlo a gettare la pietra e poi lo hanno condotto in caserma.

Mentre la madre stava stendendo i panni all'esterno dell'abitazione, e' stata spaventata dalle urla del compagno che nel frattempo cercava di scansare i fendenti scagliati dal figliastro in cucina. L'aggressione del 20enne nei confronti del patrigno e' continuata all'esterno dell'abitazione dove la donna ha tentato piu' volte di separare i 2 uomini senza pero' evitare di riportare alcune lesioni giudicate guaribili in pochi giorni. 

Le indagini dei Carabinieri hanno preso il via dopo che due militari, liberi dal servizio, mentre transitavano sulla statale 16, nei pressi di Carapelle hanno trovato un uomo accasciato a bordo strada sanguinante, con in braccio una bambina: la vittima chiedeva aiuto perche' era stato colpito, poco prima da alcune coltellate alla schiena dal figlio della propria compagna. Sul posto vi era anche la donna, anch'ella sanguinante. L'analisi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza dell'abitazione da parte dei carabinieri consentito di cristallizzare quanto accaduto all'esterno dell'abitazione e in particolare le coltellate inferte dal 20enne albanese al patrigno che e' stato ricoverato in prognosi riservata al Policlinico Riuniti di Foggia. (

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione