Cerca

Con 48 voti a favore e 10 contro

La nuova legge elettorale regionale passa sulla testa delle donne

Niente doppia preferenza alle votazioni. Le coalizioni politiche eleggono candidati consiglieri solo se superano la soglia dell'4%, i singoli partiti devono superare lo sbarramento del 4%. Il nuovo parlamento regionale sarĂ  composto da 50 consiglieri e non da 70

La nuova legge elettorale regionale passa sulla testa delle donne

Hanno dovuto nascondersi dietro il voto segreto i consiglieri regionali di maggioranza, segnatamente il Pd, e opposizione per sbattere la porta in faccia alle donne da candidare in lista con l’obbligo della doppia preferenza, che consentiva ai cittadini pugliesi obbligatoriamente di votare per un candidato consigliere maschio e uno femmina. Si chiama parità di genere. E il Consiglio Regionale ieri, a maggioranza, l’ha bocciata. È questo il dato maggiormente significativo della legge elettorale approvata. Che prevede anche lo sbarramento dei singoli partiti che alle elezioni non superano l’8% e lo sbarramento in Consiglio a quelle coalizioni che non dovessero superare il 4%. Il resto è cronaca di una gioranta politcamente turbolenta.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione