Cerca

Ritenuto dagli inquirenti al vertice dell'omonimo clan

Mafia: arresto bis per Antonello Francavilla

Coinvolto nel processo antimafia "Corona", quello dello scorso mese di luglio e che portò dietro le sbarre i massimi esponenti della cosiddetta "Società foggiana"

Mafia: arresto bis per Antonello Francavilla

A luglio dello scorso anno, il Gip del Tribunale di Bari rigettò la richiesta della DdA di arrestarlo perché ritenne insufficienti gli indizi probatori; o meglio, secondo il magistrato, nel periodi di indagini Francavilla era già dietro le sbarre. I Pubblici Ministeri della Direzione Distrettuale Antimafia, Lidia Giorgio e Giuseppe Gatti, presentarono appello al Tribunale del Riesame affermando che, attraverso un colloquio intercettato in carcere, lo stesso continuava ad impartire ordini attraverso il fratello Emiliano. Il Tribunale del Riesame accolse la richiesta e ne ordinò l'arresto. L'esecuzione del provvedimento rimase sospeso perché la difesa di Antonello Francavilla fece ricorso in Cassazione. Pochi giorni fa la Cassazione ha rigettato il ricorso disponendone l'arresto

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione