Cerca

L'intervista

Iadarola, libera "Sorella d'Italia": «Troppe beghe di palazzo frenano Foggia». Il caso Iaccarino: «Mi sarebbe piaciuto che l'amico Leonardo avesse fatto un passo indietro»

«Ho l’impressione che questa amministrazione comunale rappresentata dal sindaco Franco Landella stia andando un po’ con il freno tirato, si sta dando più importanza alle questioni di palazzo piuttosto che affrontare e risolvere i problemi atavici di questa città»

Iadarola, libera "Sorella d'Italia": «Troppe beghe di palazzo frenano Foggia». Il caso Iaccarino: «Mi sarebbe piaciuto che l'amico Leonardo avesse fatto un passo indietro»

Liliana Iadarola (Fratelli d'Italia), consigliera comunale di Foggia

«Spero che il sindaco Landella sappia impartire una rigorosa inversione di marcia ed intraprendere il cammino così come promesso in campagna elettorale». Il caso Iaccarino? «Mi sarebbe piaciuto che l’amico Leonardo, a cui va tutta la mia stima, avesse fatto egli stesso un passo indietro senza costringere noi consiglieri a portare la questione in consiglio comunale», dice la consigliera comunale di Foggia Liliana Iadarola, spiegando il suo passaggio dalla Lega a Fratelli d'Italia, rispetto a cui, pur dicendo di appartenervi con orgoglio, sente «di poter esprimere il mio personale parere sui vari atti che di volta in volta ci vengono sottoposti», sottolinea nell'intervista che potete continuare a leggere.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione