Cerca

Nato ad Apricena il 16 giugno 1925, morto a Foggia il 27 agosto 2005

"Due nomi, manco un cognome": così Roma celebra al Teatro Villa Pamphilj Matteo Salvatore, il cantastorie della povera gente

In una sua recente canzone, Italia minore, Eugenio Bennato descrive in pochi versi il grande artista pugliese: "Grande poeta di povera gente figlio diverso del sud dell'Italia, la tua canzone è un emigrante che va a cercare fortuna in Germania".

"Due nomi, manco un cognome": così Roma celebra al Teatro Villa Pamphilj Matteo Salvatore, il cantastorie della povera gente

"Matteo Salvatore: due nomi, manco un cognome" di Vittorio Continelli e Luana Giacovelli, con Vittorio Continelli e musiche eseguite dal vivo da Gabriele Ortenzi, oggi, alle 18, al Teatro Villa Pamphilj di Roma, racconta la storia del compositore e cantante di musica popolare, oltre che interprete di canti tradizionali del Gargano.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione