Cerca

Il caso

L'Usb smonta il teatrino dell'aggressione al sindacalista Anolf Cisl a cui la Regione Puglia ha affidato la foresteria del "ghetto" di San Severo

«Il referente di Anolf ha sbandierato sui giornali locali circa una presunta aggressione subita a Torretta Antonacci, ingigantendo una scaramuccia nel tentativo di elevarsi a vittima, a conferma dell'inaffidabilità di simili personaggi in cerca di attenzione e visibilità mass-mediatica»

L'Usb smonta il teatrino dell'aggressione al sindacalista Anolf Cisl a cui la Regione Puglia ha affidato la foresteria del "ghetto" di San Severo

Mohammed Elmajdi, il sindacalista che ha denunciato di essere stato aggredito

«Nelle settimane scorse abbiamo preventivamente avvisato e preallertato i vertici della Prefettura, della Questura, della Regione Puglia, del comune di San Severo sulla insofferenza e la diffidenza degli abitanti di Torretta nei confronti dei rappresentanti di Anolf, assegnatari del bando per la gestione della foresteria per sei mesi, la cui costruzione e installazione sulle ceneri dell'ex gran ghetto di Rignano fu il prodotto dell'impegno e della lotta degli abitanti stessi all'indomani dell'incendio del 3 dicembre 2019», scrivono i rappresentanti dell'Unione Sindacale di Base (USB), facendo luce sul teatrino dell'aggressione che ha raccolto l'ampio plauso mediatico di solidarietà a Mohammed Elmajdi, dalla Regione Puglia a Fratelli d'Italia.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione