Cerca

Malavita senza confini

Il business della malavita melfese con la paglia per la centrale a biomasse di Sant'Agata di Puglia

Volevano imporre con la violenza e le minacce il loro "monopolio assoluto" nel settore della raccolta e del commercio all'ingrosso della paglia, "accentrando nelle loro mani gli ingenti profitti derivanti dalla vendita del prodotto"

Il business della malavita melfese con la paglia per la centrale a biomasse di Sant'Agata di Puglia

La centrale a biomasse di AgriTre a San'Agata di Puglia

Dagli accertamenti condotti dai Carabinieri di Melfi è emerso che la paglia conferita nell'impianto pugliese aveva comportato introiti ai fratelli Lorenzo e Antonino Delli Gatti, di 39 e 22 anni, appartenenti all'omonimo clan operante nel Vulture-Melfese, introiti per circa diecimila euro nel solo mese di giugno.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione