Cerca

Si nascondeva alla periferia di Termoli

Coinvolto nella scomparsa di Emanuela Orlandi: arrestato Francesco Pio Sbrocchi

Aveva chiesto un riscatto per la liberazione della ragazza di 40 miliardi di vecchie lire

Coinvolto nella scomparsa di Emanuela Orlandi: arrestato Francesco Pio Sbrocchi
Nel 1994 dalle indagini sulla sparizione di Emanuela Orlandi, venne alla luce una piccola banda di estorsori che con un piano maldestro avevano cercato di spillare 40 miliardi alla Santa Sede. Le indagini, condotte dai giudici Adele Rando e Rosario Priore infatti, portarono all'arresto di don Tonino Intiso, all’epoca dei fatti direttore della Caritas di Foggia, dell'avvocato Matteo Storace, anch’esso di Foggia e di Francesco Pio Sbrocchi, tutti colpiti da mandato di cattura per concorso in estorsione aggravata, conclusasi come tentata truffa ai danni dello Stato di Città del Vaticano.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione