Cerca

Solidarietà

Bella:  l’associazione “Io Isabella” dona alla cittadinanza 1.300 mascherine

L’iniziativa si è celebrata in piazza Plebiscito con tutto il direttivo e i volontari dell’associazione alla presenza anche delle autorità civili, militari e religiose

Bella:  l’associazione “Io Isabella” dona alla cittadina 1.300 mascherine

L’associazione “Io Isabella” ha donato gratuitamente 1.300 mascherine in tnt lavabile alla comunità bellese. L’iniziativa si è celebrata in piazza Plebiscito con tutto il direttivo e i volontari dell’associazione alla presenza anche delle autorità civili, militari e religiose. «Le mascherine che doniamo – afferma la presidente Rosaria Lamorte – sono il frutto del lavoro gratuito di questi mesi di tutte le sarte di Bella unitamente a tutto il direttivo».

Positivo anche il commento del sindaco di Bella Leonardo Sabato che ha evidenziato l’importanza di ritrovarsi in piazza dopo mesi di lockdown. Un albero della vita (ulivo), donato dall’associazione Orto Sociale, è stato prima benedetto dal parroco don Symphorien Ntumba e poi messo a dimora presso il giardino del castello aragonese. L’albero “dedicato a tutti coloro che in occasione dell’emergenza Covid 19 si sono distinti del loro lavoro per sacrificio e spirito di abnegazione” come si legge sulla targa. Mentre il compost utilizzato è stato prodotto da rifiuto organico nell’ambito del progetto “Il rifiuto torna in vita per tutelare la vita” in collaborazione con l’Egrib ente rappresentato, in videoconferenza, dalla dottoressa Anna Lanza che ha ringraziato l’associazione “Io Isabella” e la comunità bellese sensibile ai temi ambientali. Una collaborazione quella con l’ente di governo per i rifiuti e le risorse idriche della Basilicata (Egrib) che l’associazione bellese “Io Isabella” porta avanti da tempo nell’alveo delle attività di educazione e sensibilizzazione ambientale e che vedrà in futuro altre progettualità.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione