Cerca

Almanacco dauno

Oggi, 11 Ottobre 2008, la mostra dedicata a Beuys, l'aviatore tedesco che tra le bombe amò per sempre Foggia

Prima della sua morte, fece arrivare in Germania, dove viveva, del “grassello” (una sorta di calce prodotta proprio a Foggia), per rivestire di quel materiale la sua casa-laboratorio, ed in quell’occasione ancora una volta disse: "Ho molto amato Foggia, è il luogo che ricordo di più nella mia vita".

Oggi, 11 Ottobre 2008, a Foggia la mostra dedicata a Beuys, l'aviatore tedesco che tra le bombe amò per sempre Foggia

Joseph Beuys

Il genio Tedesco sosteneva che: “Die Leute sind ganz prima in Foggia” (“La gente è meravigliosa a Foggia”). Joseph Beuys era ben conscio di trovarsi a Foggia per una guerra, una esperienza che di li a poco l'avrebbe cambiato per sempre sino al punto di diventare uno dei più attivi pacifisti d'Europa. Di qui la voglia di ricambiare con dei gesti di affetto, di riconoscenza, verso il popolo che aveva imparato a conoscere durante i numerosi sopralluoghi effettuati in città e sul Gargano, durante i quali sovente gli veniva offerto di sedersi ad una delle tante tavole contadine del territorio.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione