Cerca

Dopo la liberalizzazione della Regione

Assalto ai vaccini senza prenotazione a Foggia: si "serve" solo AstraZeneca e nessuna spiegazione sui rischi per i "fragili"

Le foto che vedete sono quelle scattate al "Don Uva", maggiormente ambito dalla cittadinanza per gli spazi ampi esterni che offre a chi è costretto ad attendere il proprio turno: oltre 200 le persone che si sono presentate questa mattina

La Regione Puglia ha aperto la somministrazione dei vaccini anche senza prenotazione agli under 80 a partire oggi dai 79enni, cui si aggiungeranno domani i 78enni e così via in ordine di anzianità fino ai 60enni. Il vaccino disponibile è solo AstraZeneca, pena rinuncia, e alcuni pazienti "fragili", cioè con altre patologie, riferiscono di non aver avuto alcun chiarimento su possibili complicazioni; tutt'al più il consiglio di rinunciarvi. L'affollamento e i disguidi hanno richiamato l'intervento anche dei Carabinieri.

A partire da oggi sono aperte le adesioni alla campagna vaccinale anti Covid in Puglia anche per la fascia di eta' 69-60. Oggi potranno aderire 69enni e 68enni, cioe' i nati nel 1952 e 1953 e potranno farlo sino al 24 aprile. Gli ultimi a poter confermare l'appuntamento gia' fissato dalle Asl saranno i pugliesi di 61 e 60 anni (nati nel 1960 e 1961), dovranno attendere il 21 aprile prossimo. I canali per aderire sono tre: farmacie, numero verde 800888388 (attivo solo da rete fissa dalle ore 8 alle ore 19), al numero fisso 080/9181603 (attivo da rete fissa e da cellulari dalle ore 8 alle ore 19)  oppure attraverso il portale internet www.lapugliativaccina.regione.Puglia.it. Intanto, sempre oggi sono iniziate le somministrazioni agli under80 che si erano gia' prenotati e ai 79enni non prenotati che volessero comunque essere vaccinati

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione