Cerca

Controverso

Matteo, che vieni a Foggia, guardati dalle donne!

Ormai in quasi 16.000 (si, leggi bene!) hanno aderito con convinzione al gruppo #donneperilNO. E tu sai quanto sono "terribili" le donne. Come si dice? Se vogliono una cosa, non le ferma nessuno

La legge instabile per il Sud di Matteo Renzi

Matteo Renzi

Matteo caro,

mentre tu salti da un canale all'altro, da un palco all'altro, da una radio all'altra, da una prima di giornale all'altra, correggi prima una lettera poi un'altra, sei impegnatissimo nel tour a sostegno del "si", oggi arrivi - forse tuo malgrado - a Foggia. Ricordi? Ci sei già stato nell'ottobre del 2012 in una sala non proprio enorme, mentre eri in "campagna" per le primarie. Una terra difficile quella di Foggia. Pochi gli esponenti del Pd, all'epoca quasi tutti bersaniani, molti curiosi, ed alcuni del centro destra, poi diventati civici locali. Ma è acqua passata. Ora sembra, dico sembra, che tutti stiano con te. Bene, verrebbe da dire. Ma così non è. Lo sai bene che i sondaggi (ma quanto siano attendibili poi non si sa) danno il NO avanti ma tu non molli. Ed è giusto. Si lotta sempre per quello in cui si crede. Si celebrano le vittorie, si accettano le sconfitte, non si dà mai il via alla caccia alle streghe. Insomma, stiamo tutti sereni. No?
Ma se tu non molli, non mollano nemmeno i sostenitori del NO. Forse la notizia non ti è giunta, o strategicamente ti è stato suggerito di far finta di nulla ma, oltre al Sud che in maggioranza vota NO (e non sto parlando di Emiliano, per carità!) credo che dovresti guardarti le spalle dalle donne.  Ormai in quasi 16.000 (si, leggi bene!) hanno aderito con convinzione al gruppo #donneperilNO. E tu sai quanto sono "terribili" le donne. Come si dice? Se vogliono una cosa, non le ferma nessuno, ma proprio nessuno. Ed allora, se nessuna testata nazionale ha deciso di scrivere giusto due righe, concentrandosi invece sulle 150 donne per il si o le donne siciliane con la "nostra" Dacia Maraini, loro lo spazio se lo prendono e prenderanno lo stesso. Anche all'estero. Fai attenzione! Alcune nostre connazionali tramano contro. Il web, maledetto web che tu ami tanto, è infestato e infettato da video messaggi dove...beh! inutile ripetere. La tua squadra del si, sa come si fa. Intercetta tutto. E' tutto sotto controllo, no?  Ma non basta. Queste #donneperilNo (oggi mi sento così, un po' la loro portavoce, anche se forse non è proprio opportuno schierarsi, no? che dici?) il 27 scenderanno in piazza a Roma, per una manifestazione nazionale rossa e viola. Hanno anche scelto i colori, immagina! Poi l'1 dicembre organizzeranno un flash mob in ogni piazza d'Italia con questi ombrelli rossi con un bel "no" tracciato con il nastro adesivo bianco ma, soprattutto, hanno organizzato un evento davvero simpatico. Return to sender", rispedire al mittente, senza calcolare che creeranno non qualche problema alle poste. Insomma rispediranno, a Palazzo Chigi, tutte le lettere che invierai a sostegno del si. Ovviamente affrancate. Non sarebbe meglio spedire una lettera a Babbo Natale chiedendogli di anticipare il tuo atteso regalo? Insomma, queste donne sono proprio perfide.
Ma oggi, sei nella mia città. Non parliamo di referendum, prendiamoci una pausa! Ma approfittiamo per darci appuntamento ad un altro giorno. Ci incontreremo (non so se vorrai ancora essere il Presidente del Consiglio) per discutere delle tante cose che non vanno, serenamente.
Ma ad una cosa, già ora, potresti pensare. Che ne dici di riferire ad Angelino che se Milano ha problemi con la criminalità, qui non è che ce la passiamo bene? Un occhio, solo uno, già potrebbe bastare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlop

    22 Novembre 2016 - 09:14

    Se è per questo anche le donne americane sembrava fossero per la stragrande maggioranza a favore della Clinton e invece abbiamo visto come è andato a finire. Quindi caro Renzi stai tranquillo, che alla fine il SI stravincerà, per la buona pace dei tanti tirapiedi che vorrebbero subito prendere il tuo posto, portandoci subito a nuove elezioni. Ma gli ingenui non sanno che comunque vada, le elezioni politiche si faranno nel 2018 a scadenza naturale della legislatura.

    Report

    Rispondi

Daniela Eronia

Daniela Eronia

Di me hanno detto che sono stata una giornalista molto scomoda, poi un'imprenditrice troppo intraprendente. È così: quando una donna si dedica con passione alla città che ama, per renderla migliore, finisce con il creare inquietudini. Per aggiungerne qualcuna in più, torno a scrivere, nel solito mondo. A volte sarà irriverente, altre dissacrante. Sicuramente "controverso". Comunque, se vi fa piacere deciderete voi.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione