Cerca

L'editoriale

Candela, i green pass, Babbo Natale e l’orco cattivo

Babbo Natale ci ha provato a rendere il Natale uguale per tutti, non augurandolo solo ai devoti del pensiero unico filogovernativo. Ma questo, si sa, è tempo di Draghi e di orchi che prendono il sopravvento

Candela, i green pass, Babbo Natale e l’orco cattivo

Il Babbo Natale di Candela

Fine della favola bella per Candela, ma non della speranza perché «Le fiabe non raccontano ai bambini che i draghi esistono. I bambini sanno già che i draghi esistono. Le fiabe raccontano ai bambini che i draghi possono essere sconfitti», diceva Gilbert Keith Chesterton.

Babbo Natale ci ha provato a fare una buona azione, nel riaprire la sua casa di Candela a tutti, “buoni” col green pass e “cattivi” senza green pass (e, per favore, non mi venite a parlare del certificato verde come il bastone di Mosè che divide il mare della pandemia; il sottoscritto è totalmente favorevole al vaccino, ma trova totalmente stupide e inutili, per la reale prevenzione della diffusione del Covid, le misure politiche discriminatorie del governo Draghi). 

Ma, dicevo, Babbo Natale ci ha provato a rendere il Natale uguale per tutti, non augurandolo solo ai devoti del pensiero unico filogovernativo. Alle ore 14:53 del 26 novembre scorso, due giorni dopo l’editto del green pass rafforzato emanato pubblicamente da Draghi in conferenza stampa, dal Comune di Candela fa diramare alle redazioni dei giornali un comunicato stampa in cui annuncia la riapertura in paese della sua casa per il 4 dicembre, chiarendo che sono «Previsti ingressi contingentati per fascia oraria e l’acquisto on-line del biglietto di ingresso, così da evitare assembramenti. Oltre alla Casa di Babbo Natale, all’interno del seicentesco Palazzo Ripandelli, sarà possibile visitare anche il Museo del Giocattolo, affascinante raccolta di giochi del secolo scorso. Nel programma di eventi natalizi, organizzati dall’Aps Candela Promozione e la Pro Loco con il sostegno del Comune di Candela, non mancheranno i tradizionali Mercatini di Natale, che, seppur in misura ridotta per garantire il rispetto delle normative anti-Covid, garantiranno la stessa atmosfera di festa delle precedenti edizioni. Tra le altre attrazioni confermate le luminarie artistiche, la via del Natale, il tradizionale falò dell’Immacolata e lo spettacolare Volo della Befana, previsto il 6 gennaio a chiusura delle festività natalizie». 

Nessun riferimento esplicito, quindi, a qualsivoglia esibizione di green pass. Ed io, che credo in Babbo Natale, non ritengo affatto che egli abbia voluto giocare sull’equivoco per confermare l’attrattiva della sua offerta natalizia, ampiamente apprezzata negli anni scorsi. Così abbiamo davvero ritenuto che la sua bontà potesse essere un dono desiderato anche per questo Natale, dedicandogli un articolo di complimenti. Ma questo, si sa, è tempo di Draghi e di orchi che prendono il sopravvento e Babbo Natale ha dovuto cedere il passo al primo, assoluto, comandamento de “La fattoria degli animali” decretato da Napoleone, Palladineve e Clarinetto.  Fine della favola bella per Candela, ma non della speranza perché «Le fiabe non raccontano ai bambini che i draghi esistono. I bambini sanno già che i draghi esistono. Le fiabe raccontano ai bambini che i draghi possono essere sconfitti», diceva Gilbert Keith Chesterton.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Antonio Blasotta

Antonio Blasotta

Alla passione per la scrittura e la comunicazione ho dedicato il mio tempo, senza mai risparmiarmi. Così, da quando avevo 15 anni, ho scritto per diversi giornali (Puglia, La Gazzetta del Mezzogiorno, il Roma), ho diretto la prima tv di Foggia, Teleradioerre; ed ho finito con il fondare la Casa Editrice "Il Castello", che, oltre ad editare diversi libri, pubblica "Il Mattino di Foggia". Divido la mia vita tra la passione editoriale e quella per la formazione relazionale e direzionale, essendo Master Trainer con licenza USA di PNL.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione