Cerca

A proposito...

Ius Soli, Galantino e la Chiesa dei due forni

Se da buon pastore fa il suo mestiere, deve invece spiegare la sua ingerenza in questioni di un altro Stato, per le quali il suo Stato è fortemente in contraddizione. Da cittadini italiani, noi, vivaddio, siamo liberi di pensarla come vogliamo.

Ius Soli, Galantino e la Chiesa dei due forni

Mons. Nunzio Galantino

Monsignor Nunzio Galantino, di Cerignola, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana (il Parlamento dei vescovi), fa discutere la politica italiana per la sua presa di posizione contro la Lega e il Movimento 5 Stelle nel difendere e sostenere lo "Ius Soli", la cittadinanza italiana da concedere ai bambini stranieri nati nel nostro Paese. "Siamo preoccupati per come si sta affrontando questo problema, persino con gazzarre ignobili in Aula. Sono temi molto importanti. Ci sta che qualcuno sia contrario. Ma vedo che c'è chi ha cambiato idea. E ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse Tre italiani su 4 sono d'accordo ma c'è chi usa la polemica per paura di perdere voti. Fare politica per rincorrere il proprio successo, non è fare politica. E tutti sanno chi ha cambiato posizione, idea, qui non è questione di appicccare l'etichetta di italiano, ma di dare un senso di appartenza, non ci si deve prendere a botte per questo, ma discutere", dichiara l'alto prelato partecipando ieri alla "Repubblica delle Idee" con  l'editorialista di Repubblica Alberto Melloni, storico e studioso di storia del cristianesimo.

Insomma, Galantino, da buon pastore fa il suo mestiere restando vicino  "a chi è nella necessità, nella debolezza e a chi ha bisogno di essere protetto", come ha spiegato  il sostituto della Segreteria di Stato, mons. Angelo Becciu, a margine della presentazione di un libro al Senato. Come alto esponente di Stato, il Vaticano, Galantino deve invece spiegare la sua ingerenza in questioni di un altro Stato, per le quali il suo Stato è fortemente in contraddizione. "Diversamente da quanto avviene per il diritto civile circa l'acquisto dello status civitatis, la cittadinanza vaticana non è mai originaria, poiché non si basa sui criteri tradizionali dello ius sanguinis (nascita da genitore cittadino, anche fuori dello Stato) e dello ius soli (nascita nel territorio dello Stato), ma essa è basata unicamente sul criterio della stabile residenza nella Città del Vaticano, come si ricava dall'art. 9 del Trattato Lateranense, da cui è facile desumere che cittadini vaticani non si nasce, ma si diventa per il fatto di risiedere stabilmente in Vaticano per una delle ragioni contemplate dalla Legge vaticana n. III del 7 giugno 1929 (AAS Suppl. 1 [1929], n. 1, pp. 14-21), che ha provveduto a spiegare ed integrare nella loro applicazione gli artt. 9 e 21 del Trattato del Laterano". Quindi, la cittadinanza vaticana è concessa solo a coloro che sono autorizzati a risiedervi (un migliaio di persone, più o meno).

Ecco perché Mons. Galantino, come eminenza ecclesiale, non può praticare la politica dei due forni, pretendendo la concessione di un diritto che ritiene con-veniente allo Stato italiano, lo "Ius Soli" appunto, mentre non si con-viene per il suo Stato Vaticano. In definitiva, il ruolo diplomatico che ricopre rende del tutto inopportuno il suo intervento a gamba tesa nelle questioni interne di un altro Stato, soprattutto per le contraddizioni che il suo Stato manifesta sulle stesse questioni. Da cittadini italiani, invece, noi, vivaddio, siamo liberi di pensarla come vogliamo. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Antonio Blasotta

Antonio Blasotta

Alla passione per la scrittura e la comunicazione ho dedicato il mio tempo, senza mai risparmiarmi. Così, da quando avevo 15 anni, ho scritto per diversi giornali (Puglia, La Gazzetta del Mezzogiorno, il Roma), ho diretto la prima tv di Foggia, Teleradioerre; ed ho finito con il fondare la Casa Editrice "Il Castello", che, oltre ad editare diversi libri, pubblica "Il Mattino di Foggia". Divido la mia vita tra la passione editoriale e quella per la formazione relazionale e direzionale, essendo Master Trainer con licenza USA di PNL.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione