Cerca

AntichiRitorni

Il pipistrello, da ‘oggetto’ di filtri di passione e simbolo apotropaico a essere malefico

La concezione del mammifero vespertino tra Esopo, Ovidio e Plinio

Il pipistrello, da ‘oggetto’ di filtri di passione e simbolo apotropaico a essere malefico

Oggi voglio condurre la vostra attenzione sul pipistrello, l’unico mammifero volante, la cui natura ha da sempre affascinato i popoli. Il suo essere animale notturno ha fatto sì che la tradizione popolare lo associasse alle ‘tenebre’ e, dunque, a qualcosa di sinistro, sospetto, da collegare al male; come accade nel cristianesimo dal Medioevo in poi (non è un caso che Lucifero, l’angelo caduto, sia spesso rappresentato con ali di pipistrello). Questa indole notturna dell’animale è ben espressa nel suo nome latino “vespertilio”, derivante dalla parola vesper = vespero, crepuscolo; così come anche in greco era chiamato “nykterís” da nyx = notte; tuttavia sia i Greci che i Romani non temevano questo animale, né lo consideravano di cattivo auspicio, tanto che Plinio il Vecchio, nella sua “Storia Naturale” asserisce che «una  testa  di  pipistrello  secca, bagnata  con  il  vino, fa  restare  svegli» (libro IV) e «il sangue di pipistrello messo in un  fiocco  di  lana  e  poi  sotto  il  capo  delle  donne  aumenterebbe  il  desiderio  amoroso,  così anche la lingua di un’oca sia mangiata che bevuta», nel libro XXIX, invece, ricorda che «il grasso di questo animale veniva usato come rimedio per certe malattie dalle fattucchiere»; inoltre era tradizione inchiodare dei pipistrelli sulle porte delle case in segno di protezione dalle creature malefiche. La natura astuta (in senso positivo) del pipistrello è attestata nelle favole del celebre Esopo, come “L’uccellino e il pipistrello” e “Il pipistrello e la donnola”, ma più interessante per spiegare la natura del comportamento dell’animale è “Il pipistrello, il rovo e il gabbiano”, dove si racconta i tre anticamente volevano fondare una piccola società commerciale: il rovo aveva lana, seta, cotone; il gabbiano rame; il pipistrello si prodigò per procurare il denaro necessario per l'acquisto di una buona imbarcazione. Sfortunatamente un temporale inghiottì nave e carico, da allora il rovo strappa vestiti a chi gli si avvicina per recuperare ciò che ha perso, il gabbiano sta appollaiato sugli scogli nell’attesa che il mare gli restituisca il rame, il pipistrello invece esce solo di notte e si nasconde nelle grotte per sfuggire ai creditori. Oltre alla graziosa storiella di Esopo, un altro mito che parla di una trasformazione in pipistrello (questa volta come punizione) è quello narrato da Ovidio, che ha come protagoniste le figlie del re Minia (Alcitoe, Leucippe e Arsippe). In Beozia (regione della Grecia sopra l’Attica) si celebravano i culti in onore di Dioniso/Bacco, in quel giorno tutta la popolazione abbandonava ogni attività per dedicarsi solo alle celebrazioni del dio, ad eccezione delle figlie del re, che, disprezzando Bacco, continuarono a filare la lana e obbligarono a lavorare anche le loro ancelle. Mentre parlano contro le celebrazioni però… «una membrana si stende tra i loro arti rimpiccioliti e imprigiona le braccia in un tenue velo. Le tenebre non permettono di capire in che modo abbiano perduto la figura di prima. […] quando tentano di parlare emettono una voce sottilissima, proporzionata al corpo, e si lamentano tra loro con sommessi squittii. Abitano in luoghi coperti, non nei boschi; e poiché detestano la luce, volano di notte, e prendono il nome dalla tarda sera, dall’ora vespertina». Forse è proprio dal racconto ovidiano che nasce l’idea che i pipistrelli non possano vedere (in realtà non è così), ma sicuramente Ovidio come Esopo attribuisce a questo animale il volersi ‘nascondere’ in virtù di qualcosa. Da qui probabilmente l’accezione negativa che gli è stata poi attribuita dal cristianesimo in poi, fino alla celebre leggenda del conte Dracula: il pipistrello vampiro per antonomasia.

Nell’augurare ai nostri lettori una buona domenica, vi allego la celebre ouverture de “Il Pipistrello” di Strauss: https://www.youtube.com/watch?v=gPybrOxRoT4

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Alba Subrizio

Alba Subrizio
«E quel giorno che ha potere solo sul mio corpo e su null’altro, ponga pure fine, quando vorrà, alla mia vita. Con la miglior parte di me volerò eterno al di sopra degli astri e il mio nome non si potrà cancellare, fin dove arriva il potere di Roma sui popoli soggiogati, là gli uomini mi leggeranno, e per tutti i secoli vivrò della mia fama…». Così Publio Ovidio Nasone conclude il suo capolavoro “Le Metamorfosi”; sulla scia del grande Sulmonese. E, allora, eccomi qui a raccontarvi di miti, eziologie e pratiche del mondo antico… che fanno bene anche oggi.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione