Cerca

Il focus

Foggia Calcio, obiettivo: ripescaggio e ripartenza in Serie C. Ecco le strategie del club dauno

Il club della Capitanata può finalmente cominciare a progettare il suo prossimo futuro, gettando le basi per la costruzione di una squadra che sia adeguatamente competitiva in vista del difficile impegno del torneo di terza serie.

Foggia Calcio, obiettivo: ripescaggio e ripartenza in Serie C. Ecco le strategie del club dauno

Il Foggia ha già messo a segno il suo primo gol della nuova stagione. La società dauna è stata, infatti, riammessa in Serie C (con sentenza esecutiva) dopo che il Tribunale Federale Nazionale si è pronunciato sul presunto illecito commesso nel corso del match del maggio del 2019 tra Picerno-Bitonto, gara valevole per il campionato di Serie D, estromettendo il club lucano e quello pugliese dal prossimo campionato di Serie C.
 
Al netto dei ricorsi che certamente verranno presentati dalle parti in causa (e che, comunque, non preoccupano il sodalizio rossonero), il club della Capitanata può finalmente cominciare a progettare il suo prossimo futuro, gettando le basi per la costruzione di una squadra che sia adeguatamente competitiva in vista del difficile impegno del torneo di terza serie.
 
Oltre all’aspetto meramente tecnico, il sodalizio pugliese ha già completato l’aumento del capitale e il rinnovo dello statuto societario, individuando nel frattempo il nome del suo nuovo allenatore: si tratta di Ezio Capuano che lo scorso anno ha condotto l’Avellino sino ai playoff di Serie C, venendo poi eliminato (tra mille polemiche) dalla Ternana al primo turno. L’istrionico allenatore campano rappresenta una garanzia in un torneo difficile e ostico come quello della Serie C che, nella prossima stagione, vedrà in pista alcune tra le più ambiziose formazioni, come l’Avellino stesso, la Juve Stabia, il Palermo e il Bari, pronte a darsi battaglia per un posto in Cadetteria, così riferito dagli analisti delle scommesse sportive

Archiviata la sentenza del Tribunale Federale Nazionale, per il Foggia adesso è tempo di pensare al ritiro di Trevi nel Lazio e alla finestra estiva di mercato che vedrà impegnati gli uomini del patron Roberto Felleca e del direttore generale Ninni Corda nel difficile compito di allestire in poche settimane una rosa degna di tale nome. Ad oggi sono circa una decina i tesserati rossoneri che prenderanno parte sin dall’inizio alle attività di preparazione del prossimo campionato, tra cui il portiere Ermanno Fumagalli, Cristian Anelli, Andrea Cadili, Roberto Di Jenno e Badr Eddin El Ouazni.
 
Una volta messo nero su bianco il rapporto di collaborazione con il nuovo tecnico, allora si penserà a integrare la rosa con quei giocatori che saranno maggiormente utili alla causa foggiana. I nomi in ballo sono già tanti e Corda è pronto ad estrarre il coniglio dal cilindro e a stupire tutto l’ambiente rossonero.
 
Ma il sodalizio guidato dall’imprenditore sardo Felleca non potrà permettersi più errori, visto il malcontento che serpeggia ancora tra la tifoseria dei satanelli (nonostante la lieta notizia del ripescaggio ufficiale in Serie C). Gli ultras rossoneri, da sempre molto vicini alla società, non hanno nascosto il loro disappunto rispetto ad alcune scelte dirigenziali ed amministrative operate dalla cordata di soci del club nel corso dell’ultima stagione e, anche per questo motivo, in più riprese (anche nel giorno stesso della pronuncia del Tribunale Federale Nazionale) hanno chiesto le dimissioni in toto della proprietà.

Il timore è quello di assistere all’ennesimo scontro fratricida tra i componenti della maggioranza e, di conseguenza, alla nuova debacle sotto il profilo del management della società, come già accaduto più volte negli ultimi dieci anni. Alla finestra attendono almeno tre cordate, pronte a subentrare in corsa al gruppo che fa capo a Felleca e a Maria Assunta Pintus (che rappresenta l’altra parte della proprietà) nel caso in cui si aprisse uno spiraglio per la ricapitalizzazione delle quote societarie: secondo quanto raccolto, la trattativa più avanzata sarebbe quella in corso con il finanziere foggiano Roberto Follieri, azionista di maggioranza in pectore, pronto a guidare il sodalizio dauno nella ripartenza della Serie C.
 
Insomma, la città di Foggia e tutto l’ambiente rossonero sono pronti a far partire i festeggiamenti per la riconquista della Serie C, nella speranza che i dissidi all’interno della società al più presto lascino il posto alla ritrovata serenità di una nuova ed ambiziosa proprietà.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione