Cerca

Alle ore 17 presso il Salone del Tribunale, Piazza XX Settembre

Prevenire il cancro si può: martedì, a Palazzo Dogana, ce lo spiega il famoso nutrizionista foggiano Michele Panunzio

Alla presentazione del libro "Le luci del mattino", moderata da Lina Appiano (Donne in rete), pediatri, psicologi, nefrologi, la presidente Lega Consumatori Maria Buono, la presidente Unesco Foggia Floredana Arnò

Prevenire il cancro si può: martedì, a Palazzo Dogana, ce lo spiega il famoso nutrizionista foggiano Michele Panunzio

Il nutrizionista Dott. Michele Panunzio

Nutrizione, alimentazione, attività motoria racchiudono il vero segreto per prevenire il cancro. Al convegno, organizzato dall'Associazione "Salute Vita" presso la Sala del Tribunale della Provincia di Foggia (piazza XX settembre, ore 17), con l'autore ne parleranno Antonietta Antoniciello (dirigente medico Asl Fg), Enza P. Cela (dirigente psicologa Asl Fg), Teresa Prisco (responsabile Nefrologia Asl Fg), Stefania Ruggieri (ricercatrice Cra-Nut Roma), Maria T. Vaccaro (Ordine dei Medici). Per approfondimenti sul libro clicca qui

Quello che noi possiamo fare ogni giorno per arginare l’epidemia del cancro è davvero molto: alimentazione mediterranea, alicamenti e attività motoria i pilastri quotidiani sui quali incardinare la nostra giornata. «“Le luci del mattino” - testimonia Guglielmo Bonaccorsi, Professore Associato di Igiene generale e applicata dell’Università degli Studi di Firenze - è un testo che coglie nel segno: rimette al centro l’uomo e la sua integrità psicosomatica, rivendicando la salute come un diritto e la prevenzione (oncologica) come un fatto ineluttabile. La visione positivistica avverso i tumori da causa/concausa alimentare, la piena e condivisa opinione che si debbano e si possano prevenire con lo sforzo di tutti, il fatto che l’individuo non debba e non possa essere lasciato solo di fronte alle proprie scelte, ma guidato ed educato, rendono questo testo imperdibile per chi voglia operare con competenza e sensibilità in questo difficile ambito. Il libro è pervaso da un profondo senso etico che l’Autore promana fin dalle prime righe, e che è presupposto irrinunciabile per chiunque voglia agire, operare, “essere” in sanità pubblica. E non può esserci vittoria alcuna, nella prevenzione oncologica, senza la sanità pubblica. Se tutti non operiamo un sforzo congiunto per rendere “tutti” un pochino più sicuri e competenti nella gestione del rischio oncologico, non può esserci domani di speranza e vittoria. E l’alimentazione non è, e non può essere, mero addendum della medicina clinica e sperimentale, ma corpus integrante e centrale di questa battaglia».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione