Cerca

La sentenza

Ecco perché il Tar Puglia ha bocciato l'elezione di Cusmai & C. di "Italia in Comune" in Consiglio regionale

"La legge elettorale pugliese non contiene alcuna disposizione che legittimi la ripartizione dei voti espressi per il solo presidente tra le liste allo stesso collegate", motivano i i giudici del Tar Puglia rigettando il ricorso di "Italia in Comune"

Referendum, Cusmai: «Una bella prova di democrazia, oltre ogni bandiera»

Rosario Cusmai

I quattro ricorrenti, Francesco Crudele, Paolo Pellegrino, Rosario Cusmai e Piero Bitetti, contestavano il calcolo del 3,49% dei voti validi che, non superando la soglia di sbarramento del 4%, non ha loro consentito di ottenere un seggio in Consiglio regionale, lamentando, "nella qualita' di competitori più suffragati della lista in questione, la mancata distribuzione, tra le liste della coalizione a sostegno di Emiliano, dei voti da quest'ultimo ottenuti in via personale".

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione