Cerca

Una riscrittura tutta pugliese della storica 'A città 'e Pulecenella

"Ng vulév", Volturino risponde al Coronavirus a suon di musica

“Un giorno anche la guerra s'inchinerà al suono di una chitarra"... Il bel pezzo di Peppino Mazziotti, con voce e arrangiamento di Antonio e Orazio D’Ariano

"Ng vulév", Volturino risponde al Coronavirus a suon di musica

I ragazzi, già musicisti per passione, hanno pensato bene di non lasciar cadere nel dimenticatoio la composizione, ma di sfruttarla per creare qualcosa di ‘originale’, ecco allora che è nata “Ng vulév – Volturino nella speranza”...

C’è chi fa smart-working, chi videoconferenze a distanza, chi didattica a distanza e chi fa anche musica a distanza. È il caso di tre volturinesi: Peppino Mazziotti (78enne), autore del testo in vernacolo, e i due fratelli Antonio e Orazio D’Ariano, rispettivamente voce e arrangiatore del testo, tra l’altro gestori di Villa Bianca a Volturino. Il testo, ironico e ‘amaro’ al contempo, musicato sulle note della storica 'A città 'e Pulecenella, è dedicato alla drammatica situazione attuale che l’Italia sta vivendo a causa del Coronavirus (Covid-19) e cerca di ‘stemperare’ la drammaticità del momento, facendo appello alla patrona che da secoli protegge il paese, ovvero Maria SS. della Serritella. Per far fronte alla ‘solitudine’ forzata delle ultime settimane, Mazziotti si è cimentato nella scrittura del brano che ha poi inviato ai fratelli D’Ariano. I ragazzi, già musicisti per passione, hanno pensato bene di non lasciar cadere nel dimenticatoio la composizione, ma di sfruttarla per creare qualcosa di ‘originale’, ecco allora che è nata “Ng vulév – Volturino nella speranza”, la canzone che sta animando il piccolo comune dauno in questi giorni di quarantena. Pertanto ve la proponiamo per allietarvi per un momento e riscoprire il dialetto dei paesi della nostra provincia.

NGE VULÉVE

Se mmo véje a Utrine                              

e ss’aggire pì putèche

chi ssciallun’e i maschérine

tutt’in file fann’a spése.

Ss’hà rapèrt’a farmacìje

u dottore nne rrecève

Paradise ‘o Pétre Fuscke

sse tte mure te carréje.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Sse ttu vaje ‘addrét’i mure

pu puzzill’e ppà fundane

ngapeturr’e ppà bbanghine

ndrùue manghe nù crestijane.                         

Sse ppo passe pa pròlòche

ce stà sul’a quarandane

vrétt’e bbrutt’e pperchjelose

chi scazzìll’e u fuse mmane.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Ne nze sènde nu remore

ne nze sènde nu llamménde

dind’i vucchel’e ndì ruue

ndìre n’ahjete de vénde.

Sse ttu arrive mbond’i furche

e sse vaje ‘u campesande

llà ce stanne tutt’i morte

llà ce stanne tutte quande.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Sop’i strade tutt’i nòtte

ssciala ssciale ‘a crijùline        

quanne passe l’autòbbòtte

oje che ddore pe Utrine.

Che ddù tanfe e cche ddà puzze

stù virusse citte citte

z’andafon’e zz’angafurchje

ndì ssgarrazz’e ndì ssgarrizze.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Dònn’Andònije ‘a ppòrte chiuse

dice a mésse tutt’i sére

suor Ttèrèse ‘appicce i luce

lègg’e ssòne cand’e prèje.

Jard’a cér’e zze chenzume

di cannéle ndà navate

vol’u ngénz’e u profume

nnand’a Ccrist’e a Ddulerate.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Atterrute dind’i case

stanne tutt’i utrenise

tènn’a còccia rebbellate

stanne tutt’ambis’ambise.

Sse ttu vaje ‘a Ssérritèlle

quann’arrive sott’u trone

dicciacélle tu ‘a Madònna

ca ce salv’e cce perdòne.

Sse ttu vaje ‘a Ssérritèlle

quanne vasce quiddu mande

dicciacélle tu ‘a Madònne

ca ce salv’a ttutte quande.

Nge vuléve nge vuléve

quistu uuaje nge vuléve.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione