Cerca

L'abbaglio

Quando sparlare di mafia a Foggia va di moda, anche per il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra

La fretta di primeggiare nei lanci di agenzia fa i figli ciechi: il senatore 5 Stelle, originario di Montelone di Puglia, gli occhi li deve aver chiusi entrambi nel precipitarsi a chiedere alla ministra Lamorgese di intervenire sul Comune di Foggia che in questa vicenda c'entra ben poco

Quando sparlare di mafia a Foggia va di moda, anche per il presidente della commissione Antimafia Morra (M5S)

Il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra

«L'operazione ha portato all'arresto di un funzionario del Comune che forniva informazione sui bandi pubblici e gli appalti ai clan, e probabilmente l'ipotesi investigativa vede il funzionario essere un vero e proprio affiliato», dichiara il presidente della commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra, trascurando che l'arrestato in questione non è un funzionario del Comune, ma un dipendente dell'ufficio "Dichiarazione Morte Stato Civile", né lo stesso riferiva di bandi pubblici e appalti ma di morti: la differenza è sostanziale. Gettare discredito su tutto non aiuta affatto i foggiani ad essere uniti contro la criminalità. 

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione