Cerca

Partiti il 4 novembre, finiranno il 31 dicembre

Otto weekend per conoscere il Gargano: oggi si va per erbe spontanee e archeologia enogastronomica

Il progetto 'la Bella Gita' prevede attività da svolgere lungo itinerari tracciati per favorire la scoperta di territori e produzioni agroalimentari con visite guidate ai luoghi di interesse turistico-culturale e laboratori di pratica enogastronomica.

Apricena, Poggio Imperiale, Lesina, San Nicandro Garganico, Cagnano Varano, Rodi Garganico, Vico del Gargano e Peschici, le tappe La partecipazione è gratuita. I laboratori sono aperti anche a specifici target di utenza: disabili, famiglie con bambini e celiaci

Il Gargano delle “Belle gite” di un tempo rivive grazie al racconto esperienziale articolato negli otto weekend vissuti tra i paesaggi di pietra dell’Alto Tavoliere ed i bacini lacustri dei laghi di Lesina e Varano sino ai paesaggi storici rurali degli agrumi garganici. Un viaggio programmato per realizzare una positiva sinergia tra l’itinerario culturale delle “Vie Francigene di Puglia” ed il recupero degli itinerari delle strade carrozzabili tracciati dal Touring Club nel 1926. La “Bella Gita” ha lo scopo di riscoprire l’identità culturale delle comunità pugliesi, promuovendo la conoscenza e l’attrattività delle componenti paesaggistiche, lo sviluppo di un turismo sostenibile e di una fruizione integrata alla valorizzazione delle produzioni tipiche. Un sistema innovativo di narrazione del territorio coerente con il turismo esperenziale che valorizza l’autenticità e la genuinità dei luoghi delle produzioni tipiche (presidi slow food e prodotti DOP e IGP) e che si fonda sull’esperienza realizzata da un soggetto privato - Cantine Le Grotte, di Pasquale Dell’Erba - con il “Francigena Wine Festival”: spazio di promozione del patrimonio culturale ed enogastronomico e di nuove forme di turismo sostenibile ed esperenziale fondate sulla “bellezza”.

Questo weekend è dedicato alla ri-scoperta delle erbe spontanee in compagnia del botanico Nello Biscotti e della chef Mariagrazia Ferrandino. Sabato 18 novembre, alle ore 18.30 presso la Casa di Michele (via Marconi, 39 - Apricena), presenteremo il libro “Peregrinazioni Fitoalimurgiche”. Domenica 19 si parte ale 10.30 dal piazzale di Cantine Le Grotte per il laboratorio all'aperto di archeologia enogastronomica con la raccolta delle erbe spontanee lungo l’itinerario della via Francigena che da Apricena portava a Rodi Garganico. Abbiamo iniziato questo percorso il 4 novembre e già con il secondo weekend abbiamo superato le 150 presenze provenienti dai diversi comuni della Capitanata. Per le prossime settimane abbiamo già prenotazioni da Campania e Molise. I laboratori di archeologia enogastronomica, coordinati dall’archeologo Feliciano Stoico, rappresentano un modo innovativo di raccontare le origini dei prodotti direttamente 'in campo', realizzando l'interazione tra il patrimonio storico e le performance esperenziali presentate dagli chef Domenico Cilenti, Mariagrazia Ferrandino, Pascal Barbato, Nazario Biscotti, Vincenzo Cardella.  Il successo di queste iniziative sta nel rendere accessibili luoghi mai visitati dal grande pubblico, come le cave di Apricena che esploreremo domenica 26 novembre. Le cave che hanno regalato al mondo la bellezza dei materiali che oggi ammiriamo nelle più grandi meraviglie architettoniche, dalla Reggia di Caserta al nuovo spaceship campus della Apple a Cupertino in California. Ci dev'essere una ragione se archistar del passato e del presente - da Vanvitelli a Norman Foster, passando per Renzo Piano - hanno scelto la pietra di Apricena. Noi cerchiamo di spiegarla con le visite guidate esperenziali che narrano il nostro modo di essere, il modo di essere di una terra che ha dato i natali a Matteo Salvatore ed ha affascinato per anni l’imperatore Federico II. Una terra di confine tra i laghi ed il mare, che racchiude e conserva lo spirito arcaico della montagna di Pietra che tutti chiamano Gargano e di cui si conoscono solo le mete turisticamente più rilevanti. Con queste iniziative, ottimamente progettate e promosse dalla Regione Puglia, tentiamo di far emergere la bellezza nascosta della nostra terra facendo vivere ai turisti un’esperienza indimenticabile. Il progetto 'la Bella Gita' prevede attività da svolgere lungo itinerari tracciati per favorire la scoperta di territori e produzioni agroalimentari con visite guidate ai luoghi di interesse turistico-culturale e laboratori di pratica enogastronomica. In programma 8 weekend dal 4 novembre al 31 dicembre nei territori di Apricena, Poggio Imperiale, Lesina, San Nicandro Garganico, Cagnano Varano, Rodi Garganico, Vico del Gargano e Peschici. La partecipazione è gratuita. I laboratori sono aperti anche a specifici target di utenza: disabili, famiglie con bambini e celiaci. Così come, gli itinerari slow sono fruibili anche da chi viaggia con animali al seguito (pet friendly). L’attività di contact center viene svolta e promossa dal nostro ufficio informazioni e punto vendita (Cantine Le Grotte, strada provinciale 38, Apricena – San Nazario), che vanta una quotidiana affluenza turistica internazionale, e presso l’ufficio IAT di Lesina. Per info: tel: 349.6509747 / email: bellagita365@gmail.com / fb: La Bella Gita. Partecipando a “la Bella Gita” si possono rivivere luoghi e sapori di un tempo che fù. Venite a trovarci, sarete nostri ospiti e non solo turisti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione