Cerca

Oggi pomeriggio la riunione presso la Provincia

A Foggia nasce il Comitato NoTriv per difendere il nostro mare

Il fine è quello di sostenere la campagna referendaria che si svilupperà in vista della data del 17 Aprile 2016 sulle attività petrolifere a mare – entro le 12 miglia dalla costa – per i titoli abilitativi già rilasciati, “per tutta la durata di vita utile del giacimento“ e invitare a votare SI

Ecco le finalità e le associazioni che finora hanno aderito.

Il Coordinamento Nazionale No Triv Nasce a Pisticci Scalo (MT) il 12-13 luglio 2012.  Ad esso aderiscono centinaia di associazioni, comitati e circoli di partito di tutta Italia. Scopo del Coordinamento Nazionale No Triv è il contrasto al modello di sviluppo nazionale basato sullo sfruttamento delle fonti fossili e la promozione di un nuovo sistema energetico, economico e sociale fondato sui più ampi principi della “sostenibilità”.

Il 17 Aprile 2016 si terrà il referendum nazionale sulle attività petrolifere a mare – entro le 12 miglia dalla costa – per i titoli abilitativi già rilasciati, “per tutta la durata di vita utile del giacimento“. Con il fine di sostenere la campagna referendaria che si svilupperà in vista della data del 17 Aprile 2016 si è costituito il Coordinamento provinciale No Triv di Foggia, configurandosi come una rete volontaria, orizzontale e democratica, aperta a tutti i cittadini, associazioni, comitati, circoli, Enti, altri coordinamenti, impegnati nel contrasto al modello di sviluppo basato sullo sfruttamento delle fonti fossili.

Il Coordinamento nazionale dei No Triv (e per esso la sezione provinciale di Foggia): a) sostiene la ferma opposizione sociale a proposte, progetti, opere, azioni – di natura politica o industriale – finalizzate alla ricerca ed allo sfruttamento, su terraferma o in mare, di combustibili da fonti fossili e non rinnovabili, ed in particolare di idrocarburi liquidi o gassosi. b) unisce le forze nazionali e locali di resistenza contro progetti di ricerca, estrazione, stoccaggio, trasporto e raffinazione di idrocarburi liquidi e gassosi. c) favorisce la transizione energetica e la riconversione delle attività produttive ipotizzando nuove dinamiche economiche eco compatibili, eque ed equilibrate che attraverso le riduzione dell'impatto ambientale delle produzioni e degli stili di vita, tendano ad un principio di sostenibilità, arrestando il catastrofico processo di riscaldamento globale in corso ed il conseguente cambiamento climatico mondiale.

Associazioni varie e Comitati che hanno già aderito: Comitato provinciale Stop TTIP - Michele Casalucci, ARCI provinciale - Domenico Rizzi, Verdi Ambiente e Società - Mimmo Di GIoia, Lega Ambiente - Tonino Soldo e Pino Maccione, L'altra Europa - Michele Sollazzo, Rete di cittadini liberi - Alfredo D'Ecclesia, Rifondazione comunista - Nicola Capuano, POPULUS per l'Ambiente - Marcello Mariella, Comitato referendario "Daunia chiama Molise" - Vincenzo Concilio, Cocienza Evoluta - Vincenzo Piserchia, Link - Valerio L’Arab, ACT - Mario Nobile, WWF - Carlo Fierro, Arci Bellami e Donne Impresa di Confartigianato, Laboratorio urbano per la legalità (Monte Sant'Angelo) - Domenico Prencipe , Scuola di Bioedilizia Autocostruzione, Centro Servizi S.Matteo Libera - Sasi Spinelli, UDS - Gian Pasquale Melillo, Vincenzo Rizzi (Consigliere Comunale Foggia), Comitato no triv San Giovanni Rotondo - E. Antonio La Porta, ProvoCult Clab Legambiente San Giovanni Rotondo, Kollettivo Majakovskij, Sharing CSC, Prc san Giovanni Rotondo

Per i singoli cittadini che hanno aderito, si rimanda al seguente link: https://www.facebook.com/groups/445853968939026/permalink/453664274824662/

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione