Cerca

la storia

Un malore tre giorni dopo la maturità: il "Galileo Galilei", Tito e la Basilicata tutta piange Antonio

Un malore tre giorni dopo la maturità: il "Galileo Galilei", Tito e la Basilicata tutta piange Antonio


Ha avuto un malore poche ore dopo aver svolto, sabato scorso, 2 luglio, gli orali della Maturità al Liceo scientifico "Galileo Galilei" di Potenza: un giovane di 19 anni è morto ieri all'ospedale San Carlo del capoluogo lucano, dove sono state effettuate le operazioni per l'espianto di alcuni organi. All'ingresso del Liceo, i suoi compagni hanno esposto uno striscione con la scritta "Antonio nel cuore del Galilei". "Era - ha detto all'ANSA la preside del liceo potentino, Lucia Girolamo - uno studente esemplare, brillante che continuerà a vivere attraverso gli occhi le menti e i cuori degli studenti, dei docenti e di tutta la comunità del Galilei. Un allontanamento temporaneo e non una non vita che continuerà ad essere per sempre un nostro studente" E Graziano Scavano, sindaco di Tito, città a pochi chilometri da Potenza, dove il giovane viveva insieme ai suoi genitori, sui social ha scritto che "la perdita del caro Antonio, nostro giovanissimo concittadino, lascia un vuoto profondo in tutta la comunità titese. Molti lo hanno conosciuto e hanno apprezzato le sue straordinarie qualità di ragazzo brillante, rispettoso e partecipe nella sua comunità. Una vita spezzata proprio quando, conclusi gli esami di Maturità, avrebbe dovuto prendere il volo inseguendo le sue ambizioni di crescita individuale e professionale. Alla madre, al papà, ai parenti ed agli amici giungano i sentimenti di vicinanza dell'amministrazione comunale. Continueremo a vivere con il ricordo di Antonio anche grazie - ha concluso il primo cittadino che ha disposto bandiere a mezz'asta sul Comune - allo straordinario gesto voluto da lui e dalla famiglia di donare i suoi organi per offrire ad altri una nuova vita".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione