Cerca

Le nuvole parlanti

Quanto Pazienza in una sola mostra: così San Severo riassume il genio del fumetto

Sarà inaugurata sabato 21 maggio, alle ore 19.30, nel Chiostro del MAT Museo dell’Alto Tavoliere, in piazza San Francesco 48 a San Severo, la mostra didattica “La funzione Pazienza. Un archivio in mostra.

Quanto Pazienza in una sola mostra: così San Severo riassume il genio del fumetto

La serata sarà aperta dai saluti istituzionali del Sindaco Francesco Miglio, delle autorità  e di Elena Antonacci, direttore del MAT Museo dell’Alto Tavoliere; a seguire l’introduzione di Antonello Vigliaroli di SPLASH Archivio ‘Andrea Pazienza’ e gli interventi di Andrea Brusoni e Michele Ginevra, rispettivamente presidente e coordinatore del Centro Fumetto ‘Andrea Pazienza’ di Cremona e di Carlotta Vacchelli che interverrà nel corso della serata con la relazione “La funzione-Pazienza - L’influenza di Andrea Pazienza nella cultura italiana”.

«C'era una volta e ci sarà sempre Andrea Pazienza, che disegnava sul cielo rubando i colori all'arcobaleno. Era felice il sole d'impastare la luce coi colori, era felice la luna di farli sognare. [...] Quando Andrea se ne andò da questa terra, il cielo pianse lacrime e pioggia, e nell'azzurro sciolse la malinconia. Per fortuna non durò a lungo. Gli passò e quando il sole illuminò una nuvoletta che ballava col vento, si trasformò ridendo in mille facce, animali e cose. Poi sporcandosi d'arcobaleno, macchiava il cielo di mille colori. Il sole pensò: "Adesso il cielo s'infuria." Ma la musica era cambiata, le nuvole erano in festa e applaudivano quella nuvoletta monella. Allora anche il cielo applaudì con due ali che gli prestò un gabbiano e sorridendo disse: "Pazienza..."» (Vincenzo Mollica - introduzione al libro "Favole")

L’approfondimento della mostra prende le mosse dalla tesi di dottorato di Carlotta Vacchelli, “La funzione-Pazienza. L’influenza di Andrea Pazienza nel Graphic Novel italiano”, elaborata a coronamento del suo percorso di studi di Master e PhD presso la Facoltà di Italianistica di Indiana University – Bloomington (Stati Uniti). La mostra è stata esposta nell’estate 2020 presso il Centro Fumetto ‘Andrea Pazienza’ di Cremona, nell’ambito del “Porte Aperte Festival”.
Oltre ai 24 pannelli descrittivi frutto della ricerca di Carlotta Vacchelli, ad arricchire l’esposizione di San Severo tantissimo materiale conservato presso il centro di documentazione 'SPLASH Archivio ‘Andrea Pazienza’, sezione del MAT Museo dell'Alto Tavoliere dedicata al Fumetto: riviste d’epoca, locandine, cataloghi, testi di laurea, rassegne stampa, copertine di LP in vinile, materiale multimediale. E tanti omaggi ad Andrea Pazienza dal mondo del Fumetto, della Satira e dell’illustrazione italiana.
L’esposizione sarà articolata in diverse sezioni, come gli ambiti approfonditi da Carlotta Vacchelli nella sua ricerca: Fumetto, Musica, Cinema, Televisione, Letteratura, Riviste.
A queste, si aggiunge una sezione dedicata al rapporto di Andrea Pazienza con la Storia dell’Arte, studio curato dalla dott.ssa Serenella Russo, volontaria del Servizio Civile Universale presso il MAT, nell’ambito del progetto ‘MUSEUM FOR EQUALITY: DIVERSITA’ E INCLUSIONE’, rendendo il percorso didattico biunivoco: infatti, oltre all’influenza di Paz nella cultura italiana, saranno affrontate anche le fonti di ispirazione dello stesso Andrea Pazienza nel corso del suo percorso artistico.
Andrea Pazienza, prima vera rockstar del mondo del fumetto italiano, è stato e continua ad essere un modello di riferimento per molti artisti. Di Pazienza si è detto, scritto, letto, visto di tutto, del resto nonostante siano passati anni, anzi decenni dalla sua scomparsa, la sua arte rimane sempre attuale, è ancora narratore del nostro tempo, perchè quella generazione di lupi solitari alla Zanardi, che lui descriveva con cinismo nelle sue storie, in fondo rispecchia problematiche ancora vive e sentite dai ragazzi di oggi. Se Zanardi rappresenta la dannazione, il cinismo dell'essere umano, tra i protagonisti delle sue storie troviamo anche Pertini, il Presidente della Repubblica più amato di sempre, l'uomo dalla integrità morale indiscussa, l'unico uomo politico che abbia fatto veramente breccia nel cuore di Paz.
Alla realizzazione della mostra didattica, che sarà visitabile per tutto il corso dell’estate, fino al 18 settembre 2022, oltre al già citato Centro Fumetto ‘Andrea Pazienza’ di Cremona, hanno collaborato: il Circolo Didattico ‘San Benedetto’ di San Severo (FG), il Liceo Artistico ‘Andrea Pazienza’ di San Nicandro Garganico (FG), la Biblioteca ‘la Magna Capitana’ di Foggia, e alcuni amici del MAT di San Severo, quali Enrico Ametta, Leonardo Vito Avezzano, Francesca Capone, Nicola de Mattia, Domenico Migliaccio e il gruppo Facebook Andrea Pazienza – L’ARTISTA, Rossano Mancinelli, Raffaele Niro, Maurizio Rosito, Andrea Santonastaso. La grafica della comunicazione è stata curata da Giuseppe Di Iorio.
La mostra didattica è ad ingresso gratuito e sarà visitabile fino a domenica 18 settembre 2022, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, ore 9.00-13.30 e 17.30-20.30, il sabato, ore 18.00-21.00, e la domenica e nei giorni festivi, ore 10.30-13.30 e 18.00-21.00. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Alessia Paragone

Alessia Paragone

Laureata in Materie letterarie presso l'Università degli studi de L'Aquila, docente presso l'Istituto Comprensivo Santa Chiara Pascoli Altamura di Foggia, giornalista pubblicista dal 1996.Ha collaborato e scritto per numerose testate locali e nazionali specializzate nel settore fumetto. Tra le sue passioni il mondo delle nuvole parlanti e l'arte come fuga dalla normalità.

 

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione