Cerca

EmotivaMente

E tu di che stress sei?

Lo stress è uno stato di tensione o resistenza di una persona a forze interne o esterne che agiscono su di essa. In realtà, esiste anche uno stress “buono”.

E tu di che stress sei?

Antonio De Chiara "Loaded", olio su tela (custodito da piziarte.net)

Il termine stress deriva dalla lingua inglese: originariamente significava difficoltà, avversità e in seguito, durante il XIX secolo, assunse i significati più ristretti di tensione, pressione e sforzo. Il primo a utilizzare questo vocabolo comune per indicare una patologia fu il biologo viennese Hans Selye. Egli studiava tutte le reazioni che gli organismi viventi mettono in atto nel momento in cui si trovano di fronte a un pericolo o a una novità potenzialmente dannosa. In queste circostanze, in tutti gli esseri viventi compaiono delle reazioni di allarme, che si esprimono con modificazioni comportamentali e fisiologiche sempre più acute via via che lo stimolo persiste o si aggrava. Selye, in particolare, si concentrò su tutti quei sintomi aspecifici, cioè non caratteristici di una specifica malattia, ma che compaiono sempre, in tutte le malattie. Si accorse cioè che il nostro organismo, quando è sottoposto a ostacoli fisici o psicologici, o appunto a malattie, reagisce con particolari risposte che coinvolgono molti apparati e funzioni. Egli definì tutte queste reazioni come “sindrome adattiva generica” o, più semplicemente, stress. Lo stress è dunque uno stato di tensione o resistenza di una persona a forze interne o esterne che agiscono su di essa. Possiamo distinguere tre fonti di stress:

• uno stress legato alla sopravvivenza: il dolore fisico, la malattia, situazioni di minaccia più o meno grave alla vita e alla salute;
• uno stress ambientale: inquinamento, traffico, sovraffollamento, disagio, scomodità, situazioni di lavoro o di vita insalubri;
• uno stress di tipo psicosociale, cioè in generale tutti gli stati emotivi che insorgono nell’individuo in relazione alle novità o a situazioni difficoltose: la competizione esasperata, le frustrazioni, il senso di inadeguatezza reale o presunta, la carenza di stimoli (anche una condizione noiosa e ripetitiva è dannosa all’organismo) e tutti i fattori che limitano o impediscono l’autonomia individuale, come la delusione delle aspirazioni, la fine di relazioni importanti, i lutti fino a situazioni di limitazione reale o psicologica della libertà. 

Selye aveva inoltre distinto tre fasi della sindrome da stress, ossia l’allarme, la resistenza e il logoramento. La prima è il momento in cui si avverte il pericolo e si reagisce con spavento o attenzione. La seconda è la fase in cui l’organismo viene sottoposto a stati di tensione più o meno prolungata e in cui cerca di tener duro. La terza è, invece, la fase del crollo, l’esaurimento delle energie e l’insorgenza di patologie, e avviene quando la fonte di stress è superiore alla capacità di resistenza.  Oltre a ciò, Selye aveva indicato come, in realtà, esista anche uno stress “buono”. Si tratta di uno stato di attenzione e vigilanza dell’organismo che non ne minaccia la salute, ma che, al contrario, è il segno della sua capacità di reazione, della presenza di stimoli adeguati sia interni che esterni. Questo stress buono, che chiamò “eustress”, per distinguerlo da quello cattivo, detto “distress”, corrisponde alla normale attività dell’individuo quando vive la sua vita quotidiana, contornato da stimoli che richiedono sue continue risposte intelligenti e creative. Nella sua forma più naturale, rappresenta lo stato di attenzione volto a far fronte alle richieste dell’ambiente e caratterizza, quindi, l’esperienza vitale di ogni organismo vivente. In quantità non eccessive, cioè quando non supera i limiti di sopportazione propri di ogni individuo, tale eustress rappresenta il “sale della vita”, quel giusto stato di brio che accompagna l’attività fisiologica e psicologica. Senza “eustress”, dunque, saremmo un po' degli zombi incapaci di muoverci e di soddisfare i nostri bisogni e i nostri desideri.

BIBLIOGRAFIA

Raffaele Morelli. Come essere felici. Oscar Mondadori Libri. 2016. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Tiziana Prencipe

Tiziana Prencipe

Il desiderio è una forza che ci attraversa. E’ diversa. Non è la forza dell’io semplicemente, ma è qualcosa di ulteriore rispetto all’io. E’ così che la psicologia mi ha trovato e io mi sono fatta trovare. Ho conseguito, quindi, la laurea in psicologia clinica e della salute a Chieti e, ben presto, la specializzazione in psicoterapia presso l’Istituto Riza di medicina psicosomatica di Milano. Non solo una preparazione professionale, ma un vero e proprio percorso interiore. Ho ottenuto poi un master in perizia e psicologia giuridica e attualmente svolgo la libera professione in qualità di psicologa e psicoterapeuta, esperta in tecniche di rilassamento a mediazione corporea e tecniche immaginative.  Al contempo sono relatrice in numerosi convegni, corsi e dibattiti su tematiche di psicologia. Una mente e dunque un corpo. Un corpo danzante, una passione chiamata ballo: per anni atleta agonista della federazione italiana danza sportiva. Quando qualcuno rinuncia ad ascoltare la chiamata del proprio desiderio, lì la vita si ammala.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione