Cerca

EmotivaMente

Stanchezza continua? Smettila di combatterti

La sindrome da stanchezza cronica simboleggia l’estremo bisogno di recuperare la passività e le pause, ma questa esigenza viene vissuta male e viene combattuta.

Stanchezza continua? Smettila di combatterti

Opera di Ersilia Leonini (galleria piziarte.net)

La stanchezza è parte integrante della vita: è una sensazione fondamentale che segnala il limite momentaneo all’azione e il bisogno di fermarsi o di cambiare ritmo. In una condizione di salute, è quindi uno strumento atto a mantenere l’equilibrio e la salute stessa in quanto elemento regolatore dell’attività e del riposo. In breve però deve scomparire e quando ciò non accade, in particolare quando ci si sveglia più stanchi di quando ci si è addormentati, vuol dire che qualcosa non va nelle strategie energetiche e c’è uno squilibrio tra consumo e ricarica. In molti casi, la sindrome da stanchezza cronica esprime un eccesso di attività, in uno o più ambiti, molto prolungato e non compensato da un riposo sufficiente. Di solito questa situazione è mantenuta da un’ansiosa tendenza all’attivismo continuo, dal senso del dovere e di colpa e dall’arrivismo. A volte essa si innesca quando non si dà tempo sufficiente a una convalescenza che fa seguito a un’importante malattia, oppure non ci si è fermati in presenza di malattie non gravi, come ad esempio l’influenza. Talora la sindrome da stanchezza cronica è il primo segno di una depressione non riconosciuta o molto mascherata che trova nello stato di debolezza l’unica forma, da un lato di espressione, dall’altro di auto-terapia. Rappresenta il corrispettivo fisico di apatia, delusione e mancanza di entusiasmo, ma anche del crollo di importanti aspettative. Le situazioni che più frequentemente provocano la patologia sono le seguenti:

agire controvoglia e contro la propria indole
agire vivendo resistenze interiori e trovando continui ostacoli esterni 
agire sempre in balia di dubbi, paure e ripensamenti
agire contro la morale quando essa è molto sentita
agire seguendo schemi di comportamento tortuosi e nevrotici: per esempio, il dover essere in un certo modo per mantenere un’immagine di sé valida ai propri occhi. 

In tutti i casi, la sindrome da stanchezza cronica simboleggia l’estremo bisogno di recuperare la passività e le pause, ma questa esigenza viene vissuta male e viene combattuta. Non è raro che tale stanchezza tolga anche la lucidità per decidere di fermarsi e per dare il giusto tempo alla rigenerazione delle forze. Inoltre, va ricordata una particolare condizione di stanchezza cronica: la sindrome del burnout, letteralmente “del bruciare”. Individuata dalla psichiatria negli ultimi 15 anni, è tipica di persone che svolgono una professione di servizio e di aiuto agli altri (medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali, fisioterapisti ecc.). Essa rappresenta la dispersione delle energie al servizio degli altri e in questi casi gli automatismi della routine portano la persona a vivere lo scambio energetico con la realtà solo in uscita: dare, dare, senza riuscire a ricevere. Le energie migliori se ne vanno, lo stress brucia l’entusiasmo e la stanchezza appare come una vera e propria forma depressiva. E’ necessario perciò considerare seriamente la possibilità di un periodo non di stacco totale dall’attività, cosa per molti impossibile, ma di parziale riduzione degli impegni e della velocità con cui vengono affrontati. “Tirare avanti” oppure “resistere e stringere i denti”, banalizzando il problema, è quanto di più controproducente si possa fare.

BIBLIOGRAFIA

Dizionario di Medicina Psicosomatica. Edizioni Riza S.p.A. 2012.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Tiziana Prencipe

Tiziana Prencipe

Il desiderio è una forza che ci attraversa. E’ diversa. Non è la forza dell’io semplicemente, ma è qualcosa di ulteriore rispetto all’io. E’ così che la psicologia mi ha trovato e io mi sono fatta trovare. Ho conseguito, quindi, la laurea in psicologia clinica e della salute a Chieti e, ben presto, la specializzazione in psicoterapia presso l’Istituto Riza di medicina psicosomatica di Milano. Non solo una preparazione professionale, ma un vero e proprio percorso interiore. Ho ottenuto poi un master in perizia e psicologia giuridica e attualmente svolgo la libera professione in qualità di psicologa e psicoterapeuta, esperta in tecniche di rilassamento a mediazione corporea e tecniche immaginative.  Al contempo sono relatrice in numerosi convegni, corsi e dibattiti su tematiche di psicologia. Una mente e dunque un corpo. Un corpo danzante, una passione chiamata ballo: per anni atleta agonista della federazione italiana danza sportiva. Quando qualcuno rinuncia ad ascoltare la chiamata del proprio desiderio, lì la vita si ammala.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione