Cerca

A proposito dei 20milioni alle Tremiti

Renzi, quando il diavolo ti accarezza…

L'anima che Renzi vuole comprare è quella anche degli italiani di Puglia che sono convinti di andare a votare NO al referendum di ottobre per impedirgli di stuprare la Costituzione dopo aver cancellato storia e ragioni di un partito, il PD, che ha utilizzato per le sue ambizioni

Renzi, quando il diavolo ti accarezza…

Il sottosegretario allo Sviluppo Economico e al Commercio Internazionale Ivan Scalfarotto, foggiano d'origine, eletto in Puglia su imposizione del PD nazionale, rimasto finora religiosamente in silenzio come gli altri parlamentari nostrani sul referendum riguardante le trivelle, oggi torna a farsi sentire per darci una bella notizia: tra i fondi per la cultura (un miliardo) stanziati dal Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), vi sono anche 20 milioni di euro destinati alle Isole Tremiti. Scalfarotto non spiega per quali opere saranno, esattamente, impiegati tutti questi soldi ma si fa vanto del fatto che «Così il Governo Renzi risponde con i fatti alla disonestà intellettuale di chi sosteneva che le isole sarebbero state svendute ai petrolieri e annegate nel greggio. I risultati sono l'unica cosa che conta.»

E qui, come diceva Totò, casca l'asino. Perché, benché la bella notizia - che, ovviamente, ci fa piacere - riguardi il restauro del Convento di San Nicola rendendolo turisticamente attraente, come si dice dalle nostre parti, quando il diavolo ti accarezza vuole l'anima. Che non è quella del piccolo paradiso delle Tremiti, che comunque era stato dato in concessione alle trivelle della fallimentare Petroceltic per 2mila euro l'anno, ma la coscienza, ormai ben consapevole anche da queste parti, di un Governo che calpesta la democrazia invitando la gente a non votare, che le indagini giudiziarie potentine scoprono compromesso con i petrolieri, che dispensa inopportunamente incarichi in posti sensibili dell'amministrazione del Paese (e Chicco Testa al Ministero dello Sviluppo, proprio quello in cui siede Scalfarotto, ne sarebbe una madornale conferma), che fa accordi persino con Verdini pur di restare a galla. L'anima che Renzi vuole comprare è quella anche degli italiani di Puglia che sono convinti di andare a votare NO al referendum di ottobre per impedirgli di stuprare la Costituzione dopo aver cancellato storia e ragioni di un partito, il PD, che ha utilizzato per le sue ambizioni a tal punto che la sua identità è stata resa irriconoscibile alla passione che dovrebbe motivare il voto di sinistra alle competizioni elettorali, a partire da quelle amministrative del prossimo 5 giugno. Il tempo dei proclami e degli onori per chi gioca a fare il Principe è finito e non c'è satanasso che tenga nella corruzione delle anime della gente che alle urne, imminenti e future, passeranno al vaglio la pula dei ventilatori d'aia dal seme di chi questa terra la feconda concretamente, difendendola dalla gramigna, con la sua presenza continua e appassionata e non a convenienza, come il referendum dello scorso 17 aprile ha dimostrato.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

Antonio Blasotta

Antonio Blasotta

Alla passione per la scrittura e la comunicazione ho dedicato il mio tempo, senza mai risparmiarmi. Così, da quando avevo 15 anni, ho scritto per diversi giornali (Puglia, La Gazzetta del Mezzogiorno, il Roma), ho diretto la prima tv di Foggia, Teleradioerre; ed ho finito con il fondare la Casa Editrice "Il Castello", che, oltre ad editare diversi libri, pubblica "Il Mattino di Foggia". Divido la mia vita tra la passione editoriale e quella per la formazione relazionale e direzionale, essendo Master Trainer con licenza USA di PNL.

edizione digitale

Sfoglia il giornale

Acquista l'edizione